Ctp, stipendi non pagati: i bus sono ancora in deposito

807
Ctp, stipendi non pagati: i bus sono ancora in deposito

Ctp: gli stipendi saranno pagati lunedì ma i bus dovrebbero restare fermi fino all’assemblea dei soci (prevista il 27 settembre). Protesta in piazza Matteotti.

Aggiornamento i data 25 settembre 2018 – ore 19,00

Dopo le proteste e gli scioperi stamattina è arrivata la notizia che sono partiti i pagamenti degli stipendi ai lavoratori. Al momento saranno saldati i compensi del mese di agosto. La notizia è stata confermata dalla sigla sindacale Usb.
Nonostante ciò i bus continueranno a rimanere ancora fermi all’interno dei depositi di Arzano, Pozzuoli e Teverola.

I bus CTP fermi da oltre dieci giorni

I bus della Ctp, azienda di trasporto della Città Metropolitana di Napoli, sono fermi ormai da dieci giorni nei depositi di Arzano, Pozzuoli e Teverola. E lo saranno almeno fino a mercoledì prossimo, lasciando a piedi tanti pendolari della provincia di Napoli e parte della provincia di Caserta.

Come riporta “Il Mattino”, Città Metropolitana ha comunicato che giovedì scorso sono stati predisposti ed inviati i flussi finanziari per le retribuzioni del mese di agosto, previste inizialmente per il 27 agosto ma poi slittate al 10 settembre, rinvio che ha fatto scattare la protesta dei lavoratori: le retribuzioni dovrebbero essere pagate lunedì prossimo.

Tuttavia, gli autisti sembrano decisi a restare fermi nonostante il pagamento dello stipendio, almeno fino a giovedì 27 settembre: in quella data è infatti prevista l’assemblea dei soci della Ctp. All’ordine del giorno le decisioni da assumere per assicurare la continuità aziendale ed il suo rilancio anche tramite la successiva approvazione del nuovo piano industriale.

Mercoledì prossimo l’azienda e gli uffici della Città Metropolitana concluderanno l’iter per la definizione dell’accordo transattivo sulle indicizzazioni dei corrispettivi chilometrici. Si tratta di circa 48 milioni di euro per i quali la Ctp ha avviato ben due giudizi, nel 2016 e nel 2017, davanti al Tribunale di Napoli.

Da segnalare, infine, che ieri (come già successo nei giorni scorsi) un centinaio di lavoratori Ctp ha protestato a piazza Matteotti davanti alla sede di Città Metropolitana, chiedendo certezze sul futuro dell’azienda: cori contro il sindaco Luigi de Magistris.