A Parete va in scena il recupero delle tradizioni e del patrimonio culturale

723
A Parete la riscoperta del patrimonio materiale e immateriale

Porte aperte alla progettualità sabato 24 marzo a Parete, comune in provincia di Caserta. A partire infatti dalle ore 18.00 il Palazzo Ducale del paesino casertano, situato in Via Umberto I, farà da cornice eccellente per promuovere e recuperare la cultura del territorio in un evento speciale promosso dalla Pro Loco della città.

La Pro Loco di Parete, nell’ambito del progetto del Servizio Civile Unpli Caserta, presenterà il programma generale di “Patrimonio culturale materiale ed immateriale” sabato 24 marzo, nel corso della serata evento dedicata a cultura, tradizione ed enogastronomia.

Ognuno di noi ha la responsabilità di proteggere e custodire il patrimonio culturale del proprio tessuto urbano. Quest’ultimo, non inteso solo come monumenti, luoghi sacri, collezioni di oggetti e opere d’arte, ma anche come l’insieme delle tradizioni trasmesse dai nostri antenati: lingua, usi, costumi, festività locali, sapori antichi, artigianato.

A Parete la riscoperta del patrimonio materiale e immaterialeL’identità, le radici del territorio, la creatività, sono valori universalmente riconosciuti e sono la testimonianza di civiltà passate che rappresentano un legame  forte con le generazioni attuali e quelle future.

La Pro Loco di Parete, attraverso il suo Presidente Vincenzo Pellegrino e con la preziosa partecipazione dell’avvocato Vincenzo Ciccarelli e dei volontari Angela Chianese e Tania Falco, ha colto l’opportunità di portare sul territorio una lodevole iniziativa volta a tramandare la ricchezza del pensiero, delle arti più antiche  e della creatività.

A Parete va in scena il recupero delle tradizioni e del patrimonio culturaleLa diversità culturale è il primo passo per il rispetto reciproco tra i popoli e le rispettive culture. Non mancheranno nel corso dell’evento, attività di laboratorio, live show cooking, con ricette tipiche pasquali e relativo bando di partecipazione rivolto ai cittadini paretani.

“La conoscenza di te stesso è il più grande servizio che puoi rendere al mondo”, suggeriva il maestro indiano RamanaMaharshi. Riconoscersi per non fuggire dalla propria terra, ma rispettarla, valorizzandone ogni ricchezza.