Una ricerca rivela tutti i rischi dei tatuaggi sulla nostra pelle

350
Una ricerca rivela tutti i rischi dei tatuaggi sulla nostra pelle

Nel nostro Paese sono circa 7 milioni le persone tatuate, ovvero il 12,8% della popolazione. Una ricerca rivela che i tatuaggi posso causare rischi per la salute. 

In Europa si stima che siano oltre 60 milioni le persone tatuate. Quella di dipingersi il corpo è presa il più delle volte per motivi estetici, ma anche da finalità mediche. E’ il quadro che emerge da un’indagine svolta dall’Istituto superiore di sanità (Iss), che ha deciso di dedicare ai tattoo una sezione del suo sito Epicentro.

Una ricerca rivela tutti i rischi dei tatuaggi sulla nostra pelle Lo studio, realizzato su un campione di 7608 persone dai 12 anni in su, mostra che se si considerano anche gli ex-tatuati, si arriva al 13,2% degli italiani. I tatuaggi sono più diffusi tra le donne (13,8%) che tra gli uomini (11,7%): le prime preferiscono farseli fare su schiena, piedi e caviglie, mentre i secondi su braccia, spalla e gambe.

Il primo tatuaggio si fa generalmente a 25 anni, anche se la fascia d’età più rappresentativa è quella tra i 35 e i 44 anni (23,9%), con una prevalenza quasi doppia rispetto alla popolazione generale. Non mancano anche minorenni tra i 12 e 17 anni con tatuaggi (7,7%).

Occorre fare attenzione alla tipologia dei Tatuaggi

La parola tatuaggio deriva dal tahitiano “tatu” che significa segnare qualcosa”. E’  una tecnica di decorazione corporale tradizionalmente destinata a durare per molto tempo, a volte per sempre e  consiste nell’ eseguire punture con l’introduzione di sostanze coloranti nelle ferite. Questa tecnica è diventata una mania che è oramai inarrestabile e coinvolge anche i giovanissimi che lo scelgono per trasgressione, vezzo o per moda. Ai minorenni è consentito farsi tatuare ma è obbligatoria l’autorizzazione dei genitori. Oggi è facile da eseguire, grazie a nuove tecniche rispetto a quelle che si praticavano nell’antichità, una pratica costante nel corso dei secoli attuata da diverse civiltà

Una ricerca rivela tutti i rischi dei tatuaggi sulla nostra pelleUn tatuaggio può avere i suoi significati personali dove alla base c’è un’ideologia di fondo che accomuna praticamente tutte le sue forme del tatuaggio. Creazioni fatte sulla pelle che hanno tutte un significato fondamentale per la persona, un elemento distintivo del proprio corpo e della personaltà.

Chi decora la propria pelle sa che il tatuaggio scelto resterà per sempre sul proprio corpo ed  ignora quanto tutto questo potrebbe causare problemi nel profondo dei tessuti. Le conseguenze non sono completamente chiare anche se pare che il problema possa essere l’uso degli elementi che compongono l’inchiostro, sostanze estranee che si staccano e si aggirano nel circuito linfatico, viaggiano all’interno del nostro organismo  in forma di micro e nanoparticelle, fino ad arrivare ai linfonodi e nei casi più gravi ci si potrebbe trovare dinanzi anche a possibili alterazioni del sistema immunitario.

La maggior parte degli inchiostri che vengono comunemente usati contiene pigmenti organici, è anche vero che frequente è la presenza di altre sostanze come nichel, cromo, manganese, cobalto e biossido di titanio. Un fattore molto importante è avere un tatuatore di fiducia, perché gli strumenti utilizzati sono gli aghi e se l’attrezzatura usata è contaminata da sangue infetto, c’è il rischio di contrarre infezioni cutanee e diverse malattie trasmesse dal sangue, come l’epatite B, l’epatite C, e con minori probabilità HIV.