#Fridayhorror: Silent Pool, il lago silenzioso

0
883

La trasparente acqua cristallina del misterioso lago di Shere, in Inghilterra attira centinaia di visitatori tutto l’anno. Le acque così eccezionalmente limpide sono filtrate attraverso una vecchia cava di gesso. Il lago di Shere ha costituito una preziosa fonte di acqua pulita per molte centinaia di anni. La fauna nell’area circostante è eccezionale e varia; acquatica e non.

a cura di Stefania Unida e Jolie Marie Trahar – Il “Lago Silenzioso” (Silent Pool) vanta un passato orribile che coinvolge una leggenda sassone e diverse sparizioni. Oltre ad essere un luogo di frequenti suicidi…

lago di silent poolLa Signora del Lago

La prima testimonianza su questo misterioso lago proviene da una leggenda sassone risalente al 1200 circa. Emma, la giovane e bellissima figlia di un taglialegna viveva nella foresta con la sua famiglia; un giorno scese per le acque a fare il bagno. Mentre stava in acqua, la giovane fu sorpresa dal trambusto di un cavaliere in corsa sul suo cavallo, il quale in tutta fretta si dirigeva proprio verso il lago. Lei non ebbe il tempo di tornare sulla sponda delle acque per andare a prendere i suoi vestiti e mantenere così la sua modestia. Tuttavia, l’acqua era cristallina e lo straniero a cavallo era affascinato dal suo bel corpo. L’uomo cercò di convincere la fanciulla ad uscire dall’acqua, ma la paura di lei crebbe! La giovane, così, trattenendo il respiro decise di nuotare ancora più in profondità nel lago dove, non essendo più in grado di nuotare, lentamente annegò. Il cavaliere misterioso, non vedendola, se ne andò nella foresta.

Secondo la leggenda, il cavaliere protagonista di questa triste storia era il famoso principe Giovanni, l’impopolare e non ufficiale Reggente dell’Inghilterra che governò il paese in assenza del fratello molto più popolare: il Re Riccardo. È’ ampiamente noto che il fantasma della fanciulla può essere osservato di notte, mentre galleggia nelle nebbie sopra la superficie del lago. Altri dicono che qui si possono ancora udire urla e grida di aiuto …

silent-poolNell’Inghilterra vittoriana, il lago di Silent Pool divenne una popolare attrazione per tanti visitatori ed era anche un luogo di interesse generale. E’ stato proprio durante questo periodo che Martin Tupper, un uomo che viveva nella vicina Albury, scrisse e rese popolare la leggenda della figlia del boscaiolo condannata a vagare per sempre in queste acque. Prima di allora, non era altro che una leggenda locale.

La scomparsa di Agatha Christie

Nel 1926 Agatha Christie utilizzò Silent Pool come “set” per mettere in scena la sua stessa leggenda. Infatti, quando era già una famosa scrittrice di romanzi gialli e thriller, attirò l’attenzione internazionale quando si diffuse la notizia che lei stessa fosse stata assassinata.

sp3Dopo un drammatico litigio con il marito di allora, Archibald Christie, il quale annunciò l’intenzione di volerla lasciare per un’altra donna, Agatha chiamò freneticamente il Dipartimento di Polizia del Surrey, informando gli agenti che la sua vita era in pericolo. In seguito lasciò la sua abitazione e si mise in viaggio mentre il giovane figlio era a letto a dormire. La sua auto fu ritrovata nei pressi di Silent Pool. Era stata lasciata nel parcheggio vicino al lago coi fari accesi, e al suo interno vi era una borsa con dei vestiti ed il tetto ricoperto di un spesso strato di ghiaccio formatosi durante quella gelida notte d’inverno. Era il 3 dicembre del 1926.

La Polizia lanciò un comunicato: “E’ scomparsa dalla propria casa, situata a Sunningdale, nel Berkshire, Mrs Agatha Christie, moglie del colonnello Christie, di 35 anni, alta 5 piedi e 7 pollici, capelli biondo cenere tagliati corti, occhi grigi, carnagione chiara, robusta, vestita con una gonna di maglia grigia, un maglione verde, un cardigan grigio scuro, un piccolo cappello di feltro verde, con un anello d’oro con una perla. E’ partita da casa con una Morris Cowley alle 9,45 di venerdì sera, lasciando un biglietto in cui diceva di andare a fare una gita in auto. La mattina seguente la macchina è stata trovata abbandonata a Newlands Corner”.

Cominciò una ricerca di proporzioni enormi che impiegò più di 15.000 persone tra poliziotti e membri del pubblico generale che si unirono nella ricerca come volontari. Il primo indiziato fu Archie Christie che da subito fu l’unico sospettato plausibile dell’omicidio. Archie fu interrogato diverse volte e la sua parola fu fortemente messa in dubbio. Con gran sorpresa, però, Agata fu ritrovata undici giorni dopo. Si era registrata con il nome di Teresa Neele (cognome dell’amante del marito) presso un albergo di Harrogate, nota località termale inglese, dove il marito avrebbe dovuto passare il weekend con l’amante. La giustificazione data ufficialmente alla stampa fu quella dell’amnesia dovuta alla recente perdita della madre, alla quale la scrittrice era molto legata.

Chi avrebbe voluto punire, invece, la Christie con il suo gesto?

Molto probabilmente suo marito, che le aveva dichiarato di essersi innamorato di Nancy Neele, una relazione nata sui campi di golf nei momenti in cui lei restava in casa a scrivere. Questo evento segnò un punto di svolta nella carriera di Christie. Anche se non ne parlò mai pubblicamente, la sua scomparsa fece aumentare considerevolmente la notorietà della scrittrice e la spinse ad un nuovo livello di fama.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here