domenica, Febbraio 28, 2021

Cinque anni fa moriva il grande Umberto Eco: la sua lezione sui libri e sui social

- Advertisement -

Notizie più lette

Cinque anni fa moriva il grande Umberto Eco: la sua lezione sui libri e sui social
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Umberto Eco: cinque anni fa la morte del grande intellettuale (di cui sono ancora attualissime le parole sui libri e sui social).

- Advertisement -

Cinque anni fa, il 19 febbraio 2016, moriva a 84 anni Umberto Eco, uno dei più grandi uomini di cultura che l’Italia abbia mai avuto. Semiologo, filosofo, scrittore, traduttore, accademico, bibliofilo e medievista, Eco sapeva essere fuoriclasse in tutti questi ambiti, raggiungendo l’apice tra il grande pubblico grazie a Il nome della rosa.

Con questo romanzo (pubblicato nel 1980), vinse il Premio Strega e ottenne un successo planetario. Il libro fu infatti tradotto in più di 40 lingue, diventando bestseller da oltre 50 milioni di copie vendute in tutto il mondo, ispirando anche un film (in cui spicca un grande Sean Connery nella parte di Guglielmo da Baskerville) e una serie televisiva.Cinque anni fa moriva il grande Umberto Eco: la sua lezione sui libri e sui social Il legame con i libri ha accompagnato tutta la vita di Umberto Eco, il quale ha sempre ricordato quanto importante possa essere il valore della lettura. Un messaggio ancora attualissimo (specialmente in tempi di pandemia da Covid 19), che porta con sé la bellezza di come si possa andare ovunque (anche indietro nel tempo) leggendo un libro.

Emblematico questo suo pensiero: “Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è un’immortalità all’indietro”.

Una citazione postata spesso sui social. E, a proposito di social network, Umberto Eco aveva guardato molto avanti anche su questo tema, prefigurando quanto sarebbe accaduto in questi tempi pieni di odio, in cui tutti possono dire qualsiasi cosa su qualsiasi argomento (pur non sapendone nulla) e perfino insultare le persone.Cinque anni fa moriva il grande Umberto Eco: la sua lezione sui libri e sui social È il 2015 quando (ricevendo una delle sue 40 lauree honoris causa), pronunciò questo severissimo giudizio: “I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli”.

Secondo Eco, “la tv aveva promosso lo scemo del villaggio rispetto al quale lo spettatore si sentiva superiore. Il dramma di Internet è che ha promosso lo scemo del villaggio a portatore di verità”. Un vero e proprio attacco contro i portatori di fake news, capaci solo di generare confusione e mai di portare un minimo contributo alla società civile.

Insomma, dai libri ai social network (ma anche in tanti altri aspetti), la lezione di Umberto Eco dovrà restare patrimonio per l’intera umanità anche quando saranno trascorsi secoli dalla sua morte.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie