Turismo, boom di presenze in Campania per il weekend del 2 giugno

353
Turismo, boom di presenze in Campania per il weekend del 2 giugno

Ottime notizie per quanto riguarda il turismo in Campania nei prossimi giorni: oltre il 95% delle strutture sono state occupate da turisti provenienti da tutto il mondo.

Felice weekend del 2 giugno per gli albergatori della Campania: oltre il 95% delle strutture ricettive sono prenotate sulle isole del golfo di Napoli, in Penisola sorrentina e in Costiera amalfitana. In crescita anche le prenotazioni a Napoli e Salerno. I dati raccolti dall’Osservatorio turistico extralberghiero dell’Abbac, l’associazione regionale del settore che monitora i flussi e associa le variegate formule ricettive, sono molto positivi. Il last second è la formula privilegiata dagli italiani mentre è in crescita la presenza di stranieri.

In giro si rivedono americani, ma anche sudamericani, australiani e canadesi oltre all’aumento del flusso di europei, francesi e tedeschi in testa. In base al monitoraggio eseguito dalla sede regionale Abbac, è sempre più richiesta l’offerta ricettiva alternativa con case vacanze, bed and breakfast, affittacamere e soluzioni immobiliari indipendenti.

La soddisfazione dell’Abbac

“Appare ormai inderogabile una riforma strutturale più volte annunciata e non completata per l’organizzazione turistica regionale – ha dichiarato il presidente Abbac, Agostino Ingenito Serve risolvere il nodo della mancata attuazione della legge regionale, di una chiara regia del governo turistico e definizione di ruoli e competenze”.

Turismo, boom di presenze in Campania per il weekend del 2 giugnoDall’Abbac osservano anche che la Regione deve “meglio adeguarsi all’enorme evoluzione avvenuta nel mercato turistico degli immobili ad uso ricettivo con la necessità di definire regole e formule che promuovano sostegno”, garantendo “controllo e monitoraggio contro il dilagante abusivismo ricettivo” ed offrendo “concreti segnali verso una migliore qualificazione dei servizi, potenziamento dei servizi pubblici di trasporto e di eventi di rilievo che possano meglio aumentare l’appeal degli attrattori culturali e naturalistici del territorio”.