Sea Watch 3, odissea finita per i 47 migranti: la nave attraccata a Catania

286
Sea Watch 3, odissea finita per i 47 migranti: la nave attraccata a Catania

Sea Watch 3: i 47 migranti saranno distribuiti in 7 Paesi. Dopo lo sbarco, 32 maggiorenni sono stati accolti nelle strutture di Messina, mentre i minori a Catania.

La nave Sea Watch 3 è attraccata a Catania dopo la riparazione del guasto che ha ritardato la partenza da Siracusa. I 47 migranti a bordo, di cui 15 minori, andranno in centri siciliani (a Messina i maggiorenni e a Catania i minori non accompagnati). Le 32 persone con età superiore a 18 anni saranno poi distribuite in 7 Paesi Ue che hanno accettato di accoglierli, mentre per i 15 minori sono stati nominati tutori italiani.

L’odissea della nave è dunque terminata, dopo essere rimasta bloccata una settimana in attesa di un accordo Ue sulla destinazione dei migranti a bordo.

Non è da escludere che la Sea Watch venga sequestrata: si aspettano le decisioni della procura di Catania. Comandante ed equipaggio, come previsto, saranno sentiti. Il Procuratore di Siracusa aveva escluso reati, ma ora tutto passa alla procura etnea. Il Viminale, come noto da tempo, punta allo stop per alcune navi delle Ong.

Sea Watch: “A Catania per mossa politica”

Prima dell’arrivo a Catania, dalla nave Sea Watch 3 è partito un polemico tweet, dovuto molto probabilmente alla decisione del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, di autorizzare lo sbarco nel porto etneo e non a Siracusa, dove la nave era alla fonda:

Andare a Catania? Ciò significa che dobbiamo allontanarci da un porto sicuro, verso un porto dove c’è un procuratore noto per la sua agenda sulle Ong che salvano in mare. Se questa non è una mossa politica, non sappiamo cosa sia. Speriamo per il meglio, ma ci aspettiamo il peggio”.

Siracusa: esposto contro Salvini

Sea Watch 3, odissea finita per i 47 migranti: la nave attraccata a Catania

Proprio per il caso Sea Watch 3 l’associazione Lasciateci entrare, insieme a un gruppo di avvocati del Legal Team Italia, ha presentato un esposto alla procura di Siracusa a carico del ministro Salvini. Gli eventuali profili di reato sono attentato alla costituzione, abuso in atti di ufficio, sequestro di persona, violenza privata, tortura.