Immunoterapia, nuova scoperta italiana per prevenire le metastasi

341
Immunoterapia, nuova scoperta italiana per prevenire le metastasi

Immunoterapia, i risultati di una scoperta italiana aprono la strada a un nuovo modo per riattivare il sistema immunitario e combattere le cellule cancerose. 

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Immunology e aprono la strada a nuovi approcci nell’immunoterapia. La scoperta riguarda una nuova molecola che è in grado di prevenire la formazione delle metastasi tumorali. Si tratta della proteina MS4A4A, scoperta grazie al lavoro diretto e coordinato dall’Istituto Humanitas e dall’Università Statale di Milano.

Questa molecola, che si trova nei macrofagi, è fondamentale per attivare le cellule Natural Killer, che sono in grado di uccidere le cellule tumorali. 

«Nei tumori primitivi che ancora non danno metastasi – spiega Massimo Locati, docente di immunologia all’Università degli Studi di Milano e responsabile del Laboratorio di Biologia dei Leucociti di Humanitas, coordinatore dello studio e corresponding author dell’articolo insieme a Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas e docente di Humanitas University – i macrofagi, che in questa fase sono come poliziotti che stanno per essere corrotti, riconoscono la cellula tumorale e danno alle cellule Natural Killer il segnale di ucciderla. MS4A4A è essenziale affinché i macrofagi possano attivare questa risposta antitumorale, prevenendo così la formazione delle metastasi. Per questa funzione MS4A4A si candida a essere un biomarcatore di macrofagi all’interno dei tumori».

I tumori, però, possono, in alcuni casi, neutralizzare la MS4A4A, permettendo alle metastasi di proliferare.

«La sfida è dunque quella di mantenere attiva tale proteina per impedire ai tumori di sfuggire e propagarsi. Stiamo quindi studiando – conclude l’esperto – la messa a punto di particolari anticorpi monoclonali finalizzati a potenziare l’azione di questa proteina nell’uomo».

Questa scoperta pertanto apre anche nuove possibilità terapeutiche basate sull’utilizzo di MS4A4A come possibile bersaglio per nuovi e innovativi approcci di immunoterapia, a vantaggio di un sempre maggiore numero di malati di cancro.

Lo studio ha coinvolto 12 istituzioni, fra cui il William Harvey Research Institute e la Queen Mary University di Londra, ed è stato condotto anche da Irene Mattiola del Dipartimento di Biotecnologie Mediche e Medicina Traslazionale dell’Università Statale di Milano.

Per questo studio Mattiola, lo scorso maggio, ha ricevuto lo Young Innovators Italy 2019 Award, l’edizione italiana del premio internazionale della MIT Technology Review, rivista del MIT Massachusetts Institute of Technology.