Il Torrone a Napoli, il dolce della festa Ognissanti. Origini e ricetta

608
Il Torrone a Napoli, il dolce della festa Ognissanti. Origini e ricetta

Lo sapevate che il Torrone a Napoli si preparava e si lasciava tutta la notte sul tavolo per le anime dei morti che si riteneva tornassero a trovare i propri cari? Origini e preparazione.

torrone classico Il Torrone a Napoli è una tradizione gastronomica tipica da consumare nel mese di novembre, nel periodo della commemorazione dei defunti, precisamente il 2 novembre di ogni anno, il giorno successivo alla solennità di Tutti i Santi.

Si tratta di una ricorrenza della Chiesa Cattolica, molto sentita per far visita ai cari defunti. In questo periodo c’è l’usanza di comprare o regalare il Torrone a Napoli. La storia racconta che si preparava e si lasciava tutta la notte sul tavolo per le anime dei morti che si riteneva tornassero a trovare i propri cari.

E’ un tipico dolce della Tradizione partenopea, in genere molto morbido  e facile da tagliare, a forma di grosso lingotto molto cremoso, al cioccolato scuro o bianco, arricchito di nocciole e pistacchi  profumati, che si scioglie in bocca come un cioccolatino

Il Torrone a Napoli, il dolce della festa Ognissanti. Origini e ricettaPiacevolissima è una passeggiata in autunno per il centro storico della città, dove si trovano tutte le principali attrattive della città, per godere al meglio  le vetrine delle più interessanti  Pasticcerie locali, dove i Maestri cioccolatieri hanno preparato le prelibatezze al cioccolato e tantissimo torrone, di tutti i gusti e di tutti i tipi.

Un bel modo di preparare il torrone per “addolcire” una giornata che in caso contrario sarebbe triste. Ma è molto buono anche il classico torrone duro caramellato a base di miele e vari tipi di frutta secca.

Il Torrone a Napoli, il dolce della festa Ognissanti. Origini e ricettaOggi come allora, la preparazione del cioccolato avviene ancora nel laboratorio della bottega e  viene proposto con materie prime di qualità ed in tantissime varietà passando per i tradizionali, fino ai più stravaganti come con la uvetta al rhum, al gusto ricotta e pera, al limone, con le noci, alla stracciatella, al gusto cassata o al caffè.

La bravura e la passione di questi artigiani del cioccolato si rivela anche nei torroni più estrosi, belli e colorati. In vetrina si pavoneggiano, un vero spettacolo, una varietà  torroni sono invitanti ed aspettano di essere gustati.

Ricetta del Torrone tradizionale

300 g di zucchero, 300 g di mandorle, confetti piccoli colorati, olio e contenitore di alluminio alto.

Preparazione:

Fare tostare a fiamma bassa le mandorle secche e con la pelle in una padella antiaderente finché non si saranno leggermente dorate. Quindi aggiungere nella padella lo zucchero e mescolare bene e velocemente.
Una volta che lo zucchero si sarà interamente sciolto, versare il composto su di un piano di marmo unto d’olio o su carta da forno e lavorare rapidamente la massa finché lo zucchero non smetterà di spargersi sul piano di lavoro. Quindi spianare un po’ il torrone di mandorle e lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente prima di consumarlo.