Natale a Napoli 2016 ‘e Pazzielle’: in memoria di Luca De Filippo. Eventi in programma

0
1085

Il Natale a Napoli 2016, a cura dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo, offre un week-end intenso per quantità e qualità di eventi in programma in città dove si registra ancora una volta il sold out nelle strutture di accoglienza turistica.

Quest’anno è incentrato sul tema delle “pazzielle”, i giocattoli tradizionali ed eterni, accanto ovviamente ai pastori (giocattoli anch’essi del resto, oltre che oggetti di altissimo artigianato) offre sabato e domenica tante occasioni in più per stare insieme, percorrere i vicoli della città, scoprirne i monumenti e le opere d’arte, arricchirsi con concerti di musica tradizionale e contemporanea.

Sabato 17 alle 18.00, alla presenza del Sindaco Luigi de Magistris, saranno accese le luci del Colonnato di San Francesco di Paola in Piazza del Plebiscito. L’installazione luminosa, che ha fatto il giro del mondo rimbalzando di foto in foto sui social nelle edizioni precedenti, sarà dedicata in questa occasione alle vittime di Aleppo affinché anche da Napoli, città di pace e di accoglienza, possa arrivare chiaro il messaggio di solidarietà alle popolazioni colpite.

”Così il Natale a Napoli si distingue dalla festa internazionale, clamorosa ma un po’ anonima, sopraffatta dalle tendenze consumistiche della società contemporanea; è insieme più sociale e più raccolta” – dichiara l’assessore Nino Daniele – una manifestazione che sempre più si identifica e si integra nelle nostre tradizioni culturali, valorizzandole”.

nino-daniele
Domenica 18 alle 11.00 a Palazzo San Giacomo in Piazza Municipio Fanfara in Comune, concerto della Fanfara del 10° Reggimento Carabinieri “Campania” di Napoli che si esibirà gratuitamente sullo scalone monumentale della sede del Municipio che per l’occasione sarà aperto a tutti i cittadini con entrata dall’ingresso principale.
La dotazione strumentale della Fanfara prevede 1 Capo Fanfara, 1 Clarinetto Piccolo in Mib, 3 Clarinetti Soprani in Sib primi, 3 Clarinetti Soprani in Sib secondi, 1 Saxofono Contralto in Mib, 1 Saxofono Tenore in Sib, 2 Corni in Fa o Mib, 2 Cornette in Sib, 3 Tromboni (2 Tenori e 1 Basso in Fa, oppure 3 Tenori); 1 Flicorno Sopranino in Mib ; 2 Flicorni Soprani in Sib ; 2 Flicorni Contralti in Mib, 1 Flicorno Tenore in Sib, 2 Flicorni Bassi in Sib, 2 Flicorni Contrabassi in Sib, 3 Batterie (Tamburo, Cassa e Piatti). Essa assicura un perfetto equilibrio fra le varie parti del complesso e ne garantisce il massimo rigore stilistico, una straordinaria armonia e l’assoluta nitidezza dei suoni anche nei passaggi più difficili. Il complesso artistico è organicamente costituito da: 1 Ispettore: Capo Fanfara, 3 Sovrintendenti: musicanti, 26 Appuntati e Carabinieri: musicanti.

Per consentire un’ampia partecipazione sono previsti solo posti in piedi fino ad esaurimento degli spazi disponibili.

Natale a Napoli 2016_’e Pazzielle in memoria di Luca De Filippo, a un anno dalla prematura scomparsa, con lo ‘strummolo’ utilizzato come immagine guida nella campagna visiva realizzata dall’Accademia delle Belle Arti di Napoli, l’antico gioco di strada, radicato nell’immaginario popolare e nel linguaggio figurato napoletano, che ritroviamo nella tasca di Luca De Filippo, ‘o nennillo di Natale in casa Cupiello. A Eduardo invece, sono stati dedicati gli ATT – Atelier Teatrali territoriali dal titolo La cantata dei giorni bambini, laboratori realizzati dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, finanziati dal MIBACT e patrocinati dalla Fondazione ”Eduardo De Filippo” che si concludono in questi giorni con delle rappresentazioni aperte al pubblico. Da ottobre bambini e ragazzi a rischio di età scolare e comunità di immigrati hanno partecipato ai percorsi condotti dagli operatori del settore vincitori di un bando pubblico: NTS Nuovo Teatro Sanità, Teatro Eidos, Teatro Totò con Gabbianella club.
In programma domenica 18 dicembre alle ore 17.00 spettacolo per bambini e famiglie della Compagnia I Teatrini dal titolo Le favole della saggezza liberamente ispirato a “Le favole” di Esopo, Fedro, La Fontaine per la drammaturgia e regia Giovanna Facciolo a cura di Teatro Eidos in collaborazione con f. pl. – femminile plurale e Teatri di Seta allo Spazio Comunale Piazza Forcella, via Vicaria Vecchia 23.
Il Natale a Napoli 2016, sul finire dell’anno delle celebrazioni dedicate a Carlo di Borbone, nel trecentenario della nascita,natale-napoli ospita inoltre la bellissima rassegna musicale realizzata nei ‘luoghi di Carlo’ dal titolo Le passioni di Carlo. Napoli, il sapore di una lunga storia promossa dall’Assessorato al Turismo e Cultura del Comune di Napoli e Regione Campania realizzata da Ravello Creative Lab.
Dopo i concerti già eseguiti al Teatro di Corte di Palazzo Reale, e nel salone delle feste del Real Museo e Bosco di Capodimonte, la prossima tappa di questo viaggio sarà il Museo Archeologico Nazionale di Napoli.
Sabato 17 dicembre, alle ore 11.30, sempre presso la Sala del Toro Farnese, si esibirà l’Orchestra Giovanile Napolinova (Direttore Maestro Mariano Patti; Enza Caiazzo, clavicembalo solista; Federica Tranzillo, violino solista; Davide Navelli, Ana Medrano, Giovanna Trapanese, Marta Cioffi, Giacomo Del Papa, Marilena Di Martino, violini primi; Arturo Abbondanza, Ilaria Carbone, violini secondi; Giuseppe Giuliano, Lorenzo Iaquinta, viole; Giovanni Sanarico, Martina Tranzillo, violoncelli; Nicola Memoli, contrabbasso). In programma musiche di Johann Sebastian Bach e Wolfgang Amadeus Mozart.
Domenica 18 dicembre, alle ore 11.30, presso la Sala del Toro Farnese, l’Orchestra giovanile del Conservatorio Cimarosa, diretta dal Maestro Carmine Santaniello, eseguirà musiche di Antonio Vivaldi, Ferenc Farkas, Edvard Grieg e Gustav Holst.
Al termine di ogni esibizione sarà possibile degustare i vini prodotti nelle vigne metropolitane di Napoli, vigneti sopravvissuti all’attacco della fillossera della seconda metà dell’Ottocento e che non sono dovute ricorrere all’innesto su vite americana per garantire la sopravvivenza dei vitigni. Un vino geneticamente uguale a quello bevuto dai romani e alla corte borbonica.
Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti.
Info: info@ravellosrl.com

Propriamente per i turisti invece sono stati organizzati una serie di concerti di musica e canzoni della tradizione classica napoletana in prestigiosi luoghi del patrimonio storico-artistico comunale quali la Casina Pompeiana in Villa Comunale alla Riviera di Chiaia, il complesso monumentale di San Severo al Pendino in via Duomo, la Sala della Loggia del Maschio Angioino.

Di seguito il programma:

Casina Pompeiana Villa Comunale Riviera di Chiaia
17 Dicembre ore 16.00,17.30
TI PARLERÒ D’AMORE di Carmelo Bruna.
Spettacolo: spaccato sulla vita e le tradizioni napoletane.
A cura di: CarmeloBruna
Info: carmelobruna@libero.it/ cell.3392012642
18 Dicembre ore 10.30,12.00
‘O Core e Napule…
Concerto di brani della canzone classica napoletana per coro polifonico.
A cura di: Associazione culturale “MUSICA É…”
Info: tel. 081.5535770/ cell. 329.0306051 /info.musicae@libero.it

Chiesa di San Severo al Pendino – Sagrestia – Via Duomo 284

17 Dicembre ore 10.00,12.00,16.30
Mandolini sotto l’albero
Rappresentazione ludico-musicale in un percorso nella tradizione storico-culturale del mandolino che parte da Napoli verso il Mondo.
A cura di: Accademia Mandolinistica napoletana
Info: 3346551802/ info@accademiamandolinisticanapoletana.com / www.accademiamandolinisticanapoletana.com

18 Dicembre ore 10.00,12.00,16.30

Mandolini sotto l’albero
Rappresentazione ludico-musicale in un percorso nella tradizione storico-culturale del mandolino che parte da Napoli verso il Mondo.
A cura di: Accademia Mandolinistica napoletana
Info: 3346551802/ info@accademiamandolinisticanapoletana.com / www.accademiamandolinisticanapoletana.com

Maschio Angioino Sala della Loggia, Piazza Castello

18 Dicembre ore 17.30
Soffi di Musica su Betlemme di Roberto De Simone – Concerto di Natale da Salvatore Di Giacomo a Roberto Benigni)
Con Antonella D’Agostino e partecipazione straordinaria di Ciro Giorgio, ensemble vocale e strumentale.
A cura di: Associazione internazionale C.T.S Centro Teatro Studi
Info: cell. 347.6517819 / ciro.giorgio@gmail.com
Per i più piccoli invece tornano a Napoli le Guarattelle, dopo il successo estivo del Festival a loro dedicato, con lo scopo di valorizzare questa antichissima arte teatrale fortemente radicata nella tradizione popolare. Le guarattelle sono la forma tipicamente napoletana di teatro di strada, tramandata oralmente, senza interruzione da più di 500 anni, che trae i suoi personaggi dai tipi delle maschere tradizionali campane ed italiane e dagli altri personaggi del teatro popolare.

Programma del primo week-end di appuntamenti:

sabato 17 dicembre
ore 10:30 CORTILE DELLA CHIESA DI SANTA CHIARA
ore 17:30 GALLERIA UMBERTO I
domenica 18 dicembre
ore 10:30 GALLERIA UMBERTO I
ore 17:30 RIONE TRAIANO CHIESA MEDAGLIA MIRACOLOSA VIA ORAZIO COCLITE
Per grandi e piccini proseguono anche le nostre mostre. Tra le altre segnaliamo:

Convento di San Domenico Maggiore

Storie di giocattoli – dal Settecento a Barbie
Un percorso gioioso nella magia fuori del tempo della civiltà dei giocattoli, senza perdere di vista il contributo alla tolleranza, al superamento di ogni discriminazione di genere e di razza, che la pratica del gioco testimonia nel corso dei secoli e, ancora di più, può incentivare oggi.
La mostra – oltre mille ‘piccoli capolavori’ del Museo del giocattolo di Napoli del Suor Orsola Benincasa, nato dalla passione collezionistica e dalla competenza di Vincenzo Capuano –, promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e con Arte’m in collaborazione con Arcigay Napoli, ripercorre il cammino dell’immaginario ludico dall’età dei lumi alla cultura del benessere del secondo ’900, automi, dame, pulcinella, orsi, pupazzi, giocattoli di legno, teatrini, giochi da tavolo, giocattoli militari, spaziali, di latta, auto, giocattoli di fantasia, trenini… esposti per aree tematiche e cronologiche.

Info: tel. 0815752524 – valorizzazione@arte-m.net – www.storiedigiocattoli.net – www.comune.napoli.it

Pan | Palazzo delle Arti Napoli – via dei Mille 60
Steve McCurry. Senza Confini
a cura di Biba Giacchetti, un viaggio nel mondo di McCurry, dall’Afghanistan all’India, dal Medio Oriente al Sudest asiatico, dall’Africa a Cuba, dagli Stati Uniti all’Italia, attraverso il suo vasto e affascinante repertorio di immagini, in cui la presenza umana è sempre protagonista, anche e solo evocata
Info e prenotazioni: tel. 199151121 – dall’estero tel. 02.89096942 – www.mostrastevemccurry.it
pan@comune.napoli.it – www.comune.napoli.it
Real Casa dell’Annunziata, Salone delle Colonne – via Egiziaca a Forcella 18, via Annunziata 34

Storie di bambini

disegni di Letizia Galli
La Real Casa dell’Annunziata di Napoli, che attraverso la nota “Ruota degli Esposti” accoglieva i bimbi abbandonati, è la suggestiva location della mostra “Storie di bambini” di Letizia Galli, artista di fama internazionale e autrice di libri per l’infanzia.

Negli spazi del Salone delle Colonne, recentemente restaurato, è possibile ammirare 210 disegni originali dell’artista, in esposizione fino al 28 febbraio 2017 e provenienti in parte dal museo francese MIJ (Musée de l’Illustration Jeunesse) ed in parte da fondi dell’artista. Da marzo la mostra si sposterà al Museo degli Innocenti di Firenze, prima di trasferirsi a Venezia, Milano e Roma.

Tra i personaggi che popolano le tavole dell’artista, un posto speciale è riservato ad Agata Smeralda, eroina del nuovo libro per bambini, scritto e illustrato da Letizia Galli, “Agata Smeralda” edito da Franco Cosimo Panini, che narra la storia, in parte di fantasia, della prima bambina abbandonata agli Innocenti di Firenze nel 1444.