Scontri Inter-Napoli, audio choc di un tifoso azzurro: “Li abbiamo uccisi”

415
Napoli-Zurigo: arrestato ultras napoletano. IL NOME

Nella ricostruzione della vicenda sugli scontri Inter-Napoli, spunta una nota vocale di un sostenitore partenopeo, che ripercorre gli attimi concitati di quello che è stato un vero e proprio combattimento tra le due tifoserie.

“Li abbiamo uccisi. Sono scese 200 persone e le abbiamo picchiate. Ne abbiamo investiti 4-5 con l’auto e siamo scesi con le mazze di ferro”. Sono le frasi choc mandate in onda da ‘Canale 21’, una nota vocale riconducibile a un tifoso del Napoli che ha preso parte agli scontri coi tifosi nerazzurri prima di Inter-Napoli disputata mercoledì sera a San Siro. “Hanno fermato tutti e hanno sequestrato dalle nostre auto picconi, mazze di legno, manganelli e tirapugni… è un peccato perché ci sono tante persone ferite sia dei nostri che dei loro -prosegue l’audio-. A loro però è andata peggio perché ne abbiamo feriti gravemente 6-7. Ci sono 4 accoltellati, uno di Napoli e tre di Milano. C’è confusione. La polizia ci ha fermato ed ha bloccato il traffico. Ora stanno controllando i feriti interisti, 5-6 sono molto gravi, uno è morto”.

Il racconto del combattimento fino alla tregua per la morte di Daniele Belardinelli

“Noi stavamo attaccando di nuovo 3-4 interisti quando ci siamo accorti che tra di noi c’era un loro amico morto. Allora ci hanno chiesto una tregua. Hanno spostato il morto e ci hanno applaudito per il gesto. Dopodiché abbiamo ripreso lo scontro”, conclude il tifoso napoletano riferendosi a Daniele Belardinelli l’ultras nerazzurro investito da un van.