Motonautica. Lorenzo Bacchi e Giovanni Carpitella trionfano a Napoli

868
Fim Pawerboat motonautica offshor classe 3D

E’ calato il sipario sul Campionato Europeo Offshore della Classe 3D e su quello Italiano della classe 5000, organizzati dal Circolo Canottieri Napoli.

Entrambi i titoli sono andati alla coppia formata da Lorenzo Bacchi e Giovanni Carpitella su La Vida Loca, al secondo posto, sia nell’Europeo che nell’Italiano, Roberto Lo Piano e Mario Petroni su Marco, mentre terzi, nel Campionato Europeo, i francesi Francois Pirelli e Saul Bubaccò su Bimba. Invece, la terza piazza nel Campionato Italiano. è andata alla coppia Gian Paolo Montavoci e Fabio Magnani. Questa mattina si è disputata la seconda prova per il Campionato Europeo classe 3D e la quinta ed ultima prova del Campionato Italiano Classe 5000 ed è stata festa grande sul lungomare dove tantissima gente è stata coinvolte nello spettacolo che questi bolidi del mare hanno fatto vedere. Grazie alla vittoria di Bacchi anche Napoli vince : uu’azienda napoletana con 45 dipendenti, con sede a Volla, la Gasbeton, è lo sponsor della barca che si è appena laureata campione d’Europa e d’Italia nell’offshore. “Sono soddisfatto perchè a Napoli e al Circolo Canottieri Napoli oggi abbiamo assegnato un titolo europeo e un titolo italiano e nel panorama della motonautica non solo nazionale non è cosa da poco – ha dichiarato il presidente Achille Ventura – ma sono particolarmente contento della perfetta organizzazione che oramai fa parte del dna di questo sodalizio. Potevamo avere qualche barca in più, ma gli impegni ravvicinati del calendario internazionale non consentono a tutti di poter sempre andare ovunque”. La cerimonia di premiazione, alla presenza del segretario generale Thomas Kurth, è stata effettuata dal Commissario UIM, Jean-Marie Van Lancker, dal presidente della Federazione Italiana Motonautica, Vincenzo Iaconianni, dal presidente del Comitato Regionale Campano della FIM, Antonio Schiano, dal presidente del Circolo Canottieri Napoli, Achille Ventura e dal consigliere alla Motonautica, Gennaro Russo.