Zubin Metha e Stefano Bollani protagonisti al Teatro San Carlo

768
Mehta e Bollani al San Carlo per due serate memorabili

Zubin Metha sul podio del Teatro San Carlo, insieme al grande pianista jazz Stefano Bollani, per due serate, sabato 29 ore 20.30 e domenica 30 settembre ore 18.00, che si annunciano memorabili per la presenza di questi due celebri artisti.

Non si sono ancora spenti i riflettori sulla recente e fortunata tournée a Bangkok che ha visto protagonista l’orchestra del Teatro San Carlo diretta dallo stesso Metha impegnata nell’esecuzione della  Sinfonia n.9 di Beethoven, che il direttore indiano è già nuovamente pronto ad affrontare due serate impegnative nel Massimo napoletano.

Infatti sabato 29 e domenica 30 sono previste due serate di grande musica dove la presenza dell’acclamato direttore d’orchestra sarà accompagnata da un’altrettanta preziosa presenza, quella del già citato pianista Stefano Bollani. Due grandi nomi, due eccellenti artisti, diversi per natura e per formazione ma entrambi accomunati da un’unica passione e da un grande talento.

Nato a Bombay nel 1936, riceve la sua prima educazione musicale dal padre, Mehli Mehta, valente violinista e fondatore della Bombay Symphony Orchestra. Dopo aver studiato, per un breve periodo, Medicina, nel 1954 si reca a Vienna dove segue i corsi di Direzione d’Orchestra di Hans Swarowsky all’Akademie für Musik. È stato nominato Direttore Emerito a Vita del Maggio Musicale Fiorentino dalla stagione 2017‑2018. Dal 2016 è Direttore Musicale Onorario del Teatro di San Carlo di Napoli. Stefano Bollani, dopo il diploma di conservatorio conseguito a Firenze nel 1993, si afferma nel jazz, suonando su palchi prestigiosi come a Town Hall di New York, la Scala di Milano e Umbria Jazz.

Zubin Metha e Stafano Bollani protagonisti al Teatro San Carlo

Fondamentale e proficua la collaborazione, iniziata nel 1996 e mai interrotta, con il trombettista Enrico Rava, al fianco del quale tiene centinaia di concerti e incide ben 13 dischi. Per la radio è ideatore e conduttore, con David Riondino e Mirko Guerrini, della trasmissione Dottor Djembè (Radio Rai 3, 2006-2012), da cui nascono anche il libro Lo Zibaldone del Dottor Djembè (2008) e lo speciale tv Buonasera Dottor Djembè (Rai 3, 2010). In televisione è ospite fisso di Renzo Arbore nel programma Meno siamo meglio stiamo (Rai 1, 2005) e ideatore, autore e conduttore delle due edizioni di Sostiene Bollani (Rai 3, 2011 e 2013), attraverso le quali porta la musica jazz sul piccolo schermo, con grandi doti non solo di pianista ma anche di grande didatta, riuscendo a divulgare con concetti semplici, difficili studi anche di armonia complementare.

Il suo progetto più recente è stato L’importante è avere un piano (Rai 1, 2016): sette appuntamenti in seconda serata su Rai1 con ospiti, improvvisazioni e musica tutta rigorosamente dal vivo fatta ad altissimo livello. Per queste due serate di fine settembre, il programma prevederà celebri brani del Novecento, un secolo importantissimo e fecondo per la grande musica, e non solo. 

Infatti, in apertura, ci sarà un doveroso omaggio al leggendario direttore d’orchestra Leonard Bernstein, fortemente celebrato nel centenario dalla nascita, con la spumeggiante Ouverture dal Candide, che il San Carlo qualche anno fa inserì nel cartellone della sua programmazione lirica.

Rhapsody in blue di George Gershwin

Seguirà la famosissima Rhapsody in blue di George Gershwin, un vero e proprio capolavoro di musica americana composta a soli 26 anni e destinata a diventare forse la più popolare composizione della sua intera produzione musicale. Non a caso in questo pezzo sono presenti elementi sia di natura classica che di jazz, in un tentativo, forse riuscito, di fondere questi due diversi universi musicali, in un’unica grande e geniale melodia. La celeberrima Le Sacre du Printemps “quadri della Russia pagana” del 1913 di Igor Stravinskij, aprirà la seconda parte della serata. 

Composta per balletto, la musica riprende il repertorio folkloristico russo, rinnovando temi popolari attraverso un uso vario e stravolto dell’armonia, della melodia e del ritmo, un grande lavoro commissionato all’autore russo da uno dei più grandi e celebri impresari dell’epoca, Diaghilev.

Questo lavoro impiega, caratteristica piuttosto frequente in Stravinskij, un insolito quanto enorme organico strumentale, tra cui ben otto corni, due tube tenori e una gran quantità di percussioni. Uno vero spettacolo nello spettacolo. Gli ingredienti ci sono tutti, gli artisti (direttore, pianista e orchestra del San Carlo), il teatro (il San Carlo di Napoli) e gli autori (Bernstein, Gershwin e Stravinskij),  e naturalmente il pubblico che già da molti giorni ha portato il “tutto esaurito” nel teatro più bello del mondo.  

ZUBIN MEHTA / STEFANO BOLLANI

Direttore | Zubin Mehta
Pianoforte| Stefano Bollani

Programma

  • Leonard Bernstein, Candide Ouverture
  • George Gershwin, Rhapsody in blue
  • Igor Stravinskij, Le Sacre du Printemps,
  • Orchestra del Teatro di San Carlo

Sabato 29 settembre 2018, ore 20.30 Turno S
Domenica 30 settembre 2018, ore 18.00 Turno P / Turno M Concerti