Coronavirus, anche le previsioni Meteo risentono della pandemia

316
Coronavirus, anche le previsioni Meteo risentono della pandemia

Anche le previsioni Meteo risentono della pandemia da Coronavirus: da quando c’è il Covid-19 sono meno precise. Vi sveliamo il perché.

Il Coronavirus oltre a modificare profondamente le nostre vite, obbligandoci ad acquisire nuovi comportamenti e maggiori precauzioni in difesa della salute di tutti, sembra essere riuscito a influenzare anche le previsioni Meteo. Come riporta il sito 3BMeteo, da un mese a questa parte nel mondo le previsioni meteorologiche sono un po’ meno precise. Qual è la spiegazione?

In questo ultimo decennio i sistemi di previsione hanno subito un notevole sviluppo con l’impiego di modelli che tengono conto dei possibili errori attribuibili al momento della stima delle condizioni iniziali di tempo. Malgrado le previsioni Meteo siano stabilite su base scientifico-matematica, non hanno ancora carattere deterministico, il che significa che si ha la probabilità che un certo fenomeno atmosferico si verifichi, ma non la certezza che esso si manifesti. Nonostante queste incertezze si può tranquillamente affermare che tutte le previsioni valide entro le 24 ore possono considerarsi abbastanza attendibili con una percentuale di affidabilità intorno all’ 85-90%. 

Vediamo perché

Una delle fonti principali dei dati atmosferici subito dopo i satelliti meteorologici sono gli AMDAR, acronimo di Aircraft Meteorological Data Relay ovvero i dati raccolti direttamente dagli aerei di linea alle varie quote durante gli spostamenti continentali e intercontinentali. Le segnalazioni giornaliere sono decine di migliaia e sono fondamentali per capire con precisione la direzione delle correnti e l’andamento delle temperature soprattutto in quota.

Nell’ultimo mese la riduzione a livello internazionale dei voli di linea ha comportato una grave mancanza di dati e di informazioni utili ad affinare la bontà delle previsioni metereologiche. Situazione che peggiorerà ulteriormente, in virtù dell’ulteriore riduzione dei voli di linea prevista per il prossimo mese e fino all’estate.

La mancanza di questi dati impatterà sicuramente sul sistema di rilevazione delle previsioni Meteo, rendendole meno affidabili, soprattutto nel campo delle temperature e dei venti a medio termine (7 giorni).