24-10-20 | 01:52

AIRB, il presidente Luciano Paulillo: “Per il wedding danno di 25 miliardi di euro”

Home Economia AIRB, il presidente Luciano Paulillo: “Per il wedding danno di 25 miliardi...
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Caivano, 17enne muore in piscina mentre si allena

Il mondo del nuoto è sotto choc. Mario Riccio era tesserato con la società Acquachiara di Pomigliano D'Arco. Franco Porzio: "Una tragedia immane". Mario Riccio,...

Ultime notizie Benevento: 14enne si spara con pistola del padre

Benevento news:  14enne si spara con la pistola del padre, è grave Si esclude il gesto volontario, sarebbe stato un incidente. Un quattordicenne di Vallata,...
5a9fa1d6595dda5678b20c716ed74260?s=120&d=mm&r=g
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Luciano Paulillo: “Basta ora tutti in piazza. Il settore del Wedding è stato completamente chiuso con l’impedimento di poter celebrare festeggiamenti relativi alle cerimonie religiose e civili”. 

Napoli, 16 ottobre 2020 – Il DPCM con le misure restrittive per il contenimento della diffusione della pandemia, ha decretato la morte dell’intero comparto del Wedding. Il settore, che produce ben 36 miliardi di euro di fatturato ed impegna oltre 500mila lavoratori e che nel solo 2019 ha visto celebrare oltre 220mila matrimoni, è stato completamente chiuso con l’impedimento di poter celebrare festeggiamenti relativi alle cerimonie religiose e civili.

Ad oggi, nel 2020, la perdita è superiore all’80% del fatturato con un danno di oltre 25 miliardi di euro in Italia. Dopo il lockdown, da marzo a maggio, ora il comparto viene nuovamente fermato con un atto discriminatorio che di fatto impedisce il diritto al lavoro.

Alla luce della situazione attuale il presidente dell’Airb – Associazione Italiana Regalo Bomboniera, Wedding e Confetti – Luciano Paulillo è pronto a scendere in campo: “Ho già parlato con altri due presidenti di associazioni del settore per promuovere un’unica azione coordinata a livello nazionale.

Il Governo deve capire che non può decretare la chiusura di un comparto senza offrire soluzioni e senza prevedere risorse economiche per compensare al danno inflitto, non siamo neanche stata interpellati per trovare una linea che potesse essere adottata per, congiuntamente, sistemare le cose. Ora – prosegue il presidente Paulillo – abbiamo due strade: quella della collaborazione con proposte pratiche che possano consentire attività al mondo del wedding, e quella della protesta di piazza e nelle sedi legali opportune”.

Il limite imposto per celebrare i banchetti di festeggiamento, fissato in solo 30 presenze, è una decisione che blocca l’intera filiera che sviluppa economia per cascata. Senza i banchetti si fermano le cerimonie e di conseguenza la produttività che vede le bomboniere, i confetti, gli abiti da sposa ai primi posti.

Il DPCM all’articolo 1 (paragrafo n) recita: “Sono vietate le feste nel luogo al chiuso ed all’aperto. Le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose sono consentite con la partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee vigenti”.

Con Serena Ranieri, presidente di Federmep, ho già trovato un’intesa ed a breve definirò una linea comune anche con Michele Boccardi presidente di Asso Eventi della sezione di Confindustria – conferma Luciano Paulillo. L’intento è la realizzazione di un’unica piattaforma per confrontarci con il Governo, inoltre stiamo per realizzare un “manifesto” del comparto che ci consentirà di avviare una class action. Riteniamo infatti che esista una doppia discriminante contro il comparto: limitare la libera concorrenza e soprattutto negare il diritto al lavoro. Stiamo verificando con i nostri legali le azioni possibili da intraprendere per difendere il nostro diritto al lavoro come previsto dalla Costituzione italiana all’articolo 4”.

Le proposte sono già pronte: 1) rivedere le proporzioni numeriche degli invitati rispetto ai metri quadri della location – così come per i ristoranti – e il riconoscimento di una migliore tracciabilità tra un invitato ad una celebrazione ed un avventore di ristorante. 2) Istituire nelle location celebrative di cerimonie figure responsabili di sala. Un ruolo che diverrebbe responsabile, presso i commissariati di pertinenza territoriale, della comunicazione dei ricevimenti programmati e dell’osservanza dei protocolli. 3) Limitare, durante le celebrazioni dei banchetti, la libera circolazione degli invitati e i momenti di aggregazione (fotografie, consegna bomboniere, etc).

- Advertisement -

Ultime Notizie

Teatro San Carlo, Marina Abramović apre la Stagione 2020/2021

Presentata questa mattina la nuova riprogrammazione del Teatro San Carlo. Si inizia con Marina Abramović che aprirà la Stagione 2020/2021 con 7 Deaths of...

Napoli, proteste e scontri contro il coprifuoco e lockdown. VIDEO

A Napoli i cittadini protestano contro il coprifuoco e il lockdown annunciato oggi dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Video Nel capoluogo campano...

“Ieri, Oggi, Domani”, con Pasquale Casillo la cucina napoletana si tinge d’autunno

“Ieri Oggi, Domani”, di Pasquale Casillo e famiglia, continua tra cucina e pizzeria, a tenere banco in città tra gli amanti dei piatti della...

Lockdown, de Magistris: “Regione Campania fuori controllo”

Luigi de Magistris lancia un appello al governo in merito all'annuncio del Presidente Vincenzo De Luca sull'ipotesi lockdown in Campania. Il sindaco di Napoli Luigi...

Parco della Marinella: martedì 3 novembre riapre il cantiere

Comune di Napoli: dal 3 novembre riapre il cantiere per la riqualificazione del Parco della Marinella. Si comincerà, nei lavori per il Parco della Marinella,...