30-11-20 | 15:37

“Volare”, Gennaro Cannavacciulo canta Modugno

Home Gossip e Tv "Volare", Gennaro Cannavacciulo canta Modugno
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
5a9fa1d6595dda5678b20c716ed74260?s=120&d=mm&r=g
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

NAPOLI- Sentimenti ed emozioni forti per l’inaugurazione della nuova stagione del Teatro Delle Palme, dove, grazie allo spettacolo cult “Volare” di un artista a tutto tondo come Gennaro Cannavacciulo, il pubblico ha potuto magicamente rivivere la storia di un personaggio simbolo della grande canzone italiana come Domenico Modugno. Un recital, quello di Cannavacciuolo (premio ETI 2009 Olimpici del Teatro come attore non protagonista) che con la regia di Marco Mete ed il titolo “Volare”,  ha proposto una fascinosa reinterpretazione personale capace di percorrere i grandi sentieri artistici dell’indimenticabile Mimmo nazionale. Accompagnato dal conivolgente “Trio Bugatti” formato da Marco Bucci al pianoforte, Francesco Marquez al violoncello ed Andrea Tardioli al clarinetto e sax contralto, il trascinante Cannavacciulo ha regalato alla platea dapprima una generosa dose di quelle canzoni dialettali e macchiettistiche come “O Cafè”, “La donna riccia”, “La Cicoria”, “U Pisci spada” ed “Io mammeta e tu” e poi, nel nome della sua musa Pupella Maggio, dei monologhi teatrali ed un suggestivo dialogo tra madre e figlio tratto dalla commedia musicale “Tommaso D’Amalfi” di Eduardo de Filippo, dove la voce registrata della straordinaria interprete eduardiana rappresenta ancora oggi il grande dono che la stessa volle fare al suo pupillo Gennaro. Per tutti, fino  a domani sera alle 18.30, al Teatro Delle Palme,  con la direzione artistica firmata “Suoni e Scene” di Bruno Tabacchini, uno spettacolo ricco di suggestioni e di preziosimi stilistici  che nella seconda parte, con una atmosfera quasi brechtiana, lascia spazio alle celebri canzoni d’amore lanciate dal mito Modugno come “Vecchio Frac”, “Tu si na cosa grande”, “Resta cu mme” e “Nel blu dipinto di blu” che vede il protagonista  Cannavacciuolo cimentarsi con successo in un Tip Tap inneggiante al grande Fred Astaire. Perfettamente in bilico tra i momenti comici e quelli sottilmente melanconici, così come tra gli aspetti gioiosi e  quelli dedicati alle suggestive evocazioni poetiche, lo spettacolo coinvolgente ed interattivo, ha decisamente conquistato gli spettatori della storica sala di via Vetriera a Chiaia, che hanno applaudito convinti e soddisfatti.  Incline ai veloci cambiamenti scenici e davvero ben calato nei panni del grande protagonista della storia della canzone italiana moderna, Cannavacciuolo che porta avanti lo spettacolo “Volare” da circa trent’anni,  ha convinto per misure e garbo aggiungendo la sua personale quota a quella di un’icona della canzone senza tempo, con rispetto e devota sapienza.  Unendo insieme come in una sola magica pozione, parole, canzoni e musica, Gennaro Cannavacciulo parafransando il titolo dello stesso spettacolo ha fatto “Volare “ il pubblico, lo stesso che tra  testi passionali in dialetto e in lingua, ha ritrovato gli stilemi di un’arte di cui nonostante l’imperante modernità, abbiamo tutti tremendamente bisogno per curare spirito e corpo.

 

- Advertisement -

Ultime Notizie

Serie A2 Girone Rosso: GeVi Napoli Basket-Benacquista Latina 90-58

GeVi Napoli Basket: i partenopei battono per 90-58 la Benacquista Latina: Coach Sacripanti: “Molto contento del lavoro fatto, Proviamo a creare la "cantera" napoletana”. Seconda...

Circumvesuviana, soppresse 13 corse: la protesta dei pendolari

L'Eav ha scatenato la protesta degli utenti per la cancellazione di ben tredici corse, proprio nel giorno del ripristino integrale del servizio nella fascia...

Boscoreale, paura nella notte: 3 colpi di pistola contro un’abitazione

Sono stati trovati in totale sei bossoli in via Settetermini a Boscoreale, dove sono intervenuti i carabinieri dopo l'esplosione di alcuni colpi d'arma da...

Renato Zero: ecco l’ultimo cd della trilogia “Zerosettanta”

Renato Zero: ecco Volumeuno (l’ultimo dei tre cd che uno dei re della musica italiana ha realizzato in occasione dei suoi 70 anni). Il...

Calcio Napoli, il richiamo di Gattuso: “Serve buonsenso, troppi senza mascherina”

Il tecnico del Calcio Napoli sui tanti assembramenti in città per onorare la memoria di Maradona: "Dobbiamo fare i bravi, altrimenti ne pagheremo le...