Frode fiscale da 150 milioni, 13 arresti tra Napoli e Chieti

368
Aversa, scoperto falso promotore finanziario: sequestro da 2,5 milioni

Le indagini della Guardia di Finanza hanno consentito di smascherare una maxi frode fiscale, portando all’arresto di tredici soggetti tra la Campania e l’Abruzzo.

Dalle prime ore di questa mattina, il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli, in collaborazione con la Compagnia della Guardia di Finanza di Chieti e la Squadra Mobile della Questura di Chieti, sta dando esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Napoli Anna Laura Alfano, nei confronti di tredici soggetti da sottoporre agli arresti domiciliari e all’obbligo di dimora nel comune di residenza, in quanto ritenuti responsabili di reati associativi finalizzati alla frode fiscale.

L’operazione ‘One cent’

La misura attiene ad indagini connesse all’operazione “ONE CENT” condotta dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Napoli a seguito della quale erano state eseguite misure cautelari personali e reali nel mese di giugno 2018 ed interviene a seguito di declaratoria d’incompetenza territoriale del Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Chieti, nell’ambito di indagini eseguite sempre per indebite compensazioni e coinvolgenti un sodalizio ramificato a Napoli e nella provincia teatina.

Le misure personali, undici provvedimenti cautelari agli arresti domiciliari e due obblighi di dimora nel comune di residenza, riguardano indagati gia’ sottoposti ad identiche restrizioni della liberta’ personale. Contestualmente si sta eseguendo un sequestro preventivo per oltre 80 milioni di euro nei confronti di 123 tra persone fisiche e societa’ a fronte di un’evasione complessiva di oltre 150 milioni di euro.