ANM, 4 incidenti in 10 giorni: allarme dei sindacati sulla manutenzione dei bus

329
ANM, 4 incidenti in 10 giorni: allarme dei sindacati sulla manutenzione dei bus

Ultime notizie ANM Azienda Napoletana Mobilità: i sindacati hanno scritto anche al Prefetto per lanciare l’allarme sulla manutenzione dei bus.

Il quotidiano “Il Mattino” ha realizzato un focus sulla situazione dei bus Anm, per la cui mancata manutenzione i sindacati Orsa, Usb e Faisa Confail hanno scritto all’azienda e al Prefetto di Napoli.

Le sigle sindacali sono in stato di agitazione perché “notevolmente preoccupati per gli accadimenti che riguardano la mancata manutenzione degli autobus che perdono, non occasionalmente, pezzi di carrozzeria mentre sono in servizio”.

Come accaduto ad esempio a Portici lo scorso 10 gennaio, quando un bus della linea 158 ha perduto uno pneumatico mentre era in servizio (per fortuna senza alcuna conseguenza).

E quello stesso giorno, un altro mezzo in uscita dal deposito di piazza Carlo III, ha lanciato una richiesta di soccorso perché bloccato per strada con un semiasse spaccato: “Sempre più spesso escono autobus i cui problemi non sono stati risolti in officina- dice Simona Serretiello di Faisa Confail – Più volte abbiamo chiesto attenzione sulla problematica della scarsa o mancata manutenzione. È di una gravità inaudita essere leggeri sulla sicurezza. Bisognerebbe garantire un intervento manutentivo preciso e puntuale, cosa che, da quanto si evince, non esiste”.ANM, 4 incidenti in 10 giorni: allarme dei sindacati sulla manutenzione dei bus Un altro incidente, avvenuto agli inizi di novembre, aveva fatto suonare il primo campanello d’allarme anche sui nuovi mezzi appena entrati in servizio: “Uno dei nuovi mezzi, quelli appena entrati in servizio, mentre imboccava la Tangenziale all’altezza di Corso Malta ha perduto il portellone posteriore”, spiega Enzo Balzano (Faisa Confail). Anche in quel caso non ci sono state conseguenze. Il portellone è stato recuperato e infilato all’interno del bus che ha fatto ritorno al deposito, ma “sul percorso del rientro, con il portellone smontato, quel mezzo ha subito l’assalto di una baby gang: lancio di sassi e vetro posteriore spaccato. La beffa dopo il danno”.