lunedì, Luglio 4, 2022

Quarto, villa confiscata al clan diventa casa della legalità

- Advertisement -

Notizie più lette

Francesco Monaco
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

Venerdì 20 maggio si terrà l’inaugurazione, a Quarto, in provincia di Napoli, di “Casa Mehari – Casa della Legalità e delle associazioni”, dedicata alla memoria del giornalista ucciso dalla camorra Giancarlo Siani.

Venerdì 20 maggio, alle ore 11,00 in via Nicotera, a Quarto, in provincia di Napoli, è prevista la cerimonia di inaugurazione delle attività di “Casa Mehari – Casa della Legalità e delle associazioni”. L’edificio in questione è una villa, con annessi giardino e piscina, che è stato confiscato al clan camorristico dei Polverino e da giugno 2021 di proprietà del Comune di Quarto.

E’ annunciata la partecipazione alla giornata di venerdì di Antonio Sabino, sindaco di Quarto e consigliere metropolitano con delega al Patrimonio e ai Beni comuni; Raffaella De Vivo, assessore del Comune di Quarto ai beni confiscati; dottor Giuseppe Visone, pubblico ministero della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli; Daniela Lombardi in rappresentanza dell`Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata; Maria Trapanese, presidente dell`a.t.s. aggiudicatrice del bando.

Il comune di Quarto ha voluto dedicare la struttura alla memoria di Giancarlo Siani, giornalista del quotidiano “Il Mattino”: Mehari è il nome del modello dell`auto Citroën su cui il giovane venne ucciso dalla camorra la sera del 23 settembre del 1985.

Il bando pubblico di assegnazione del bene confiscato è stato aggiudicato dall`Associazione temporanea di scopo chiamata “ControVento – Contro la criminalità, verso la Legalità (Associazionismo, Solidarietà, Cultura, Ambiente, Formazione)”. L`A.t.s. – a cui il bene è stato affidato per la durata di dieci anni – è composta da: “La Bottega dei Semplici Pensieri” (organizzazione di volontariato, capofila dell`A.t.s.), “La Quercia Rossa” (cooperativa sociale), “ARTeMIDE” (associazione culturale) e “Dialogos” (associazione di promozione sociale).

A sostenere la proposta progettuale vincitrice ci sono 29 soggetti tra ordini professionali, scuole, fondazioni, parrocchie, cooperative e associazioni, come dettagliato nella scheda progettuale allegata al presente invito.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie