Presepe Vivente in Campania 2016/2017. Ecco dove si svolge

1770

Come ogni anno in questi giorni, si rinnova in diversi luoghi della Campania la rappresentazione del Presepe Vivente. Figuranti con gli abiti della tradizione presepiale, trasformeranno i centri cittadini nella piccola Betlemme, riproducendo le scene della Natività.

di Maria Sordino – A Natale c’è un appuntamento speciale. In Campania, come nel resto d’Italia e del mondo, uno spettacolo coinvolgente e particolare si rinnova ogni anno: la rappresentazione del Presepe Vivente. Con fiaccole e luci che illuminano le strade di borghi e quartieri, figuranti in abiti del tempo ricreano le atmosfere che ricordano la nascita di Gesù. La tradizione vuole che il primo presepio vivente sia stato realizzato in una grotta del monte Falterone (Greccio – Rieti) nel Natale del 1233 da San Francesco d’ Assisi, per rievocare la natività dopo un suo viaggio a Betlemme. Ebbe così inizio una tradizione che si è perpetuata nei secoli, arrivando fino ai giorni nostri: numerosissime sono infatti in Italia e nel mondo le rievocazioni della Notte Santa. Per il Natale 2016 in Campania verranno realizzati dei Presepi viventi che coinvolgeranno grandi e piccini in un’atmosfera magica. Sembrerà di vivere nell’antica Betlemme, tra locande e botteghe con personaggi intenti a svolgere il proprio mestiere e, passeggiando tra i vicoli di un tempo passato, si giungerà alla Capanna della Natività. Scopriamo i luoghi dove è possibile vedere il Presepe Vivente:

Napoli

Nel cortile della chiesa dell’Immacolata Concezione a Capodichino, corso Secondigliano n* 59, ci sarà un Presepe vivente ispirato al tema degli immigranti: la sacra famiglia sarà interpretata da una coppia di profughi siriani e la culla sarà un barcone per ricordare le vite spezzate di chi non ce l’ha fatta. La rappresentazione si terrà il 28 e il 29 dicembre e il 5 gennaio.

presepe-san-lorenzoDal 27 al 29 dicembre 2016, nella Basilica di San Lorenzo Maggiore in via Tribunali 316, in pieno centro storico, ritorna il presepe vivente con una rappresentazione che unisce teatro e musica con scene del presepe del ‘700. “Nascette nu Ninno a San Gregorio Armeno…”, questo è il titolo della rappresentazione che giunge così alla diciannovesima edizione. Un evento che lo scorso anno ha attratto circa 1800 spettatori. Il Comitato Presepe Vivente – Centro Antico Napoli, in collaborazione con la comunità parrocchiale della basilica e con l’associazione teatrale l’ “Arcoscenico”, presenta al pubblico le scene del presepe napoletano del ‘700. Durante i sessanta minuti dello spettacolo i visitatori potranno ammirare l’Annunciazione, il mercato, la Natività. Ad accompagnare il tutto ci saranno quattro voci narranti e musica dal vivo con tammorre e chitarre. L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio del Comune di Napoli ed è inserita nel programma “Natività – Natale a Napoli”. Il piccolo contributo richiesto all’ingresso sarà destinato all’Oratorio di San Lorenzo, impegnato nel recupero dei minori al rischio nel centro storico della città.

Orari: 27 dicembre alle 20.00, 28 dicembre alle 18.00 e alle 20.00, 29 dicembre alle 18.00 e alle 20.00.

In Via Terracina a Fuorigrotta, nella Parrocchia di Sant’Ignazio, ritorna il Presepe vivente che è giunto alla IX edizione. I visitatori saranno accompagnati in gruppi da alcune guide lungo un percorso prestabilito, nei giorni del 6 e 7 Gennaio 2017, a partire dalle 18.

A Sorrento in località Priora ci sarà il Presepe Vivente con falò e zeppolata, mentre nel Borgo di Casarlano si rappresenterà il Presepe vivente “La Betlemme dei piccoli”. La manifestazione si intitola “M’illumino d’inverno” e sarà arricchita da concerti e spettacoli teatrali.

Quando: il 26 e il 29 dicembre 2016, il 2, il 3 e il 5 gennaio 2017 in località Priora e il 27 e il 28 dicembre 2016, il 5 e il 6 gennaio 2017 al Borgo di Casarlano.

A Gragnano, al Borgo di Caprile, verrà rappresentato il Presepe vivente tra cantine, case e terreni. 300 figuranti in abiti di scena riprodurranno la piccola Betlemme e animeranno le varie scenografie. I visitatori saranno coinvolti nello scenario e catapultati indietro nel tempo. La rappresentazione si terrà nei giorni 26, 27 e 30 dicembre, l’1, il 5, il 6, il 7 e l’8 gennaio 2017 dalle 18 alle 20.

Nel rione Marchesa di Boscoreale si svolgerà la XII edizione della rappresentazione del Presepe vivente grazie all’organizzazione dei rappresentanti della comunità parrocchiale della Chiesa di San Giuseppe. Sarà possibile ammirare 40 postazioni, monete e abiti d’epoca, il 25, il 26 e il 27 dicembre dalle 19 alle 23.

E poi ancora a Marigliano, frazione Lausdomini, il 6 e il 7 gennaio, dalle 18.30 alle 22 e a Pollena Trocchia, il 6 e 7 gennaio, dalle 19 alle 22.

Avellino

Si terrà in località Borgo, a Monteforte Irpino, il 26, 27 e 28 dicembre, dalle 17 alle 20, il presepe vivente dal titolo “Il sogno di Maria”. Nel centro storico di Gesualdo si rivivrà la nascita di Gesù Bambino con una manifestazione, organizzata da Astrea Gesualdo, che prevede, tra l’altro, degustazioni di prodotti tipici natalizi. Quest’anno il percorso comprenderà anche il castello di Carlo Gesualdo. Quando: il 27 e il 28 dicembre 2016 dalle 18. A Forino ci sarà la XXX edizione del Presepe Vivente. Si tratta di 30 scenografie a cui prenderanno parte 200 figuranti in costume d’epoca. I visitatori ammireranno le ricostruzioni ambientali e osserveranno i figuranti che daranno vita alle scene della Natività il 26 e il 27 dicembre 2016, il 1° e il 6 gennaio 2017, presso l’antico casale accanto al Palazzo Feudale di Forino, dalle 17:30 alle 19:30.

Benevento

Anche Sant’Agata de’ Goti realizzerà il Presepe vivente dove, oltre ad ammirare i figuranti in abiti d’epoca e le bellissime scenografie, sarà possibile gustare i piatti tipici dell’epoca tra cui pizzette con pasta di pane, fagioli, carne di maiale con peperoni. Quando: il 30 dicembre 2016 al Mulino della Corte, dalle 17:30 alle 22:30.

A Faicchio i visitatori potranno ammirare il Presepe vivente con 300 figuranti in costumi d’epoca, 35 postazioni di antichi mestieri, varietà di animali vivi, 3 cantine, 3 punti ristoro e attrazioni di effetti speciali. Durante la visita, davanti alla Grotta della Natività ci sarà lo Show del fuoco, l’arrivo della Stella Cometa e lo Spettacolo della neve. Novità di quest’anno sono i mercatini del Presepe.

Quando: il 26 e il 27 dicembre 2016, il 2 e il 3 gennaio 2017 dalle 18:30 alle 22:00.

Caserta

Villa di Briano si trasformerà in una piccola Betlemme il 29 e il 30 dicembre. Nei cortili del centro storico sarà possibile rivivere la magia della nascita di Gesù. Attori e figuranti in costume inviteranno i visitatori a degustare i prodotti enogastronomici della tradizione locale.

Orario: dalle 19:00 fino alle 23:30.

Il 6 gennaio 2017, nel comune di Tora e Piccilli, verrà realizzato il Presepe vivente di San Francesco. Lungo le vie del borgo storico 50 figuranti in abiti d’epoca, varie scenografie, locande, taverne e personaggi che svolgono i mestieri del ‘200, animeranno spettacoli e distribuiranno le calze ai bambini. Orario: dalle 15.30 alle 21.

Salerno

Il Presepe vivente, nell’Antico Borgo Case Trezza di S.Anna di Cava de’ Tirreni, è giunto alla XII edizione. I visitatori potranno rivivere i momenti della nascita di Gesù attraverso la visita alla piccola Betlemme che gli organizzatori hanno ricreato, con particolare cura dei dettagli.

Quando: l’1, il 6, il 7, l’8 e il 14 gennaio 2017, dalle 17:30 alle 21:30.

Il Presepe vivente del Quartiere Vetrai di Scafati è giunto all’VIII edizione. Per quattro giorni 160 personaggi prenderanno parte alla rappresentazione che si svilupperà in 23 scene, mentre le luci soffuse accompagneranno i canti del Coro Polifonico Santa Maria delle Vergini.

Quando: dal 26 al 29 dicembre 2016, dalle 17:00 alle 21:00.

Ad Oliveto Citra si svolgerà l’XI edizione della rappresentazione del Presepe vivente. Il centro storico del borgo ospiterà le varie scenografie e i personaggi che interpreteranno i tipici popolani dell’epoca. L’evento è stato organizzato dalla Parrocchia di Santa Maria della Misericordia.

Quando: il 29 dicembre 2016, il 3 e il 5 gennaio 2017, dalle 19.