Paraolimpiadi #Rio2016: il nuotatore napoletano Boni vince il bronzo

847

Vincenzo Boni, napoletano, ha conquistato la medaglia di bronzo ai Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro, nei 50 dorso S3, giungendo terzo in 46”67, alle spalle dell’ucraino Vynohradets (44”94), oro, e al cinese Hiang, 46”11, argento. Per Vincenzo, esordiente ai Giochi, 28 anni cresciuto al Caravaggio Sporting Village di Fuorigrotta e tesserato anche per il GS Forestale, si tratta del risultato più importante della sua carriera sportiva. Boni ai 25 metri era al secondo posto, poi in quarta posizione, ma negli ultimi metri della gara grande sprint e la conquista della storica medaglia di bronzo.  Era dalla medaglia d’oro di Imma Cerasuolo nel 2004 ad Atene che il nuoto napoletano non saliva sul podio ai Giochi Paralimpici. Boni si è scoperto solo nel 2015 atleta paralimpico di valore internazionale.

Già campione del mondo quest’anno nei 50 dorso, argento europeo nel 2015 sempre nei 50 dorso, è da due anni uno dei dominatori mondiali del dorso e campione italiano in carica in Italia. A Rio a seguirlo, insieme a tutto lo staff tecnico federale anche il ct napoletano Enzo Allocco, uno dei protagonisti della sua crescita. In festail movimento paralimpico e tutto lo sport napoletano, con in particolare il Caravaggio Sporting Club di Fuorigrotta, nato appena tre anni fa, con la consulenza tecnica di un fuoriclasse come Massimiliano Rosolino, con in prima fila il personal coach di Boni, Alessandro Peluso, che ha creduto fin dall’inizio nelle qualità del ragazzo napoletano.