Italia-Portogallo, dove vedere la partita di Nations League in streaming e tv

570
Italia-Portogallo, dove vedere la partita di Nations League in streaming e tv

Italia-Portogallo si disputerà venerdì sera alle ore 20:45. Il ct Roberto Mancini ha scelto chi guiderà l’attacco con Chiesa e Insigne. Tutte le ultime novità e come poter seguire il match anche in streaming e gratis.

Ultimo allenamento dell’Italia a Coverciano prima della partenza per Milano, dove la nazionale affronterà il Portogallo nella gara decisiva per il passaggio del turno in Nations League. Il ct Roberto Mancini, dopo una prima fase di riscaldamento, ha schierato la probabile formazione che affronterà i lusitani a San Siro: Italia con il 4-3-3 con Donnarumma in porta, linea difensiva formata da Florenzi, Bonucci, Chiellini, Biraghi e una linea mediana con Jorginho insieme a Verratti e Barella. In attacco, mentre provava la seguente formazione, schierati Chiesa a destra, Insigne a sinistra e Immobile punta centrale. L’alternativa all’attaccante della Lazio resta Berardi, provato anche lui da Mancini durante l’ultimo allenamento.

Le parole del ct

”L’obiettivo fissato all’inizio era provare a qualificarci alla fase finale di Nations League, abbiamo perso in Portogallo schierando una squadra molto giovane, perdere ci poteva anche stare. Ora però abbiamo la possibilità di poterlo battere poi vedremo quel che accadrà tra Portogallo e Polonia’‘, aveva detto Roberto Mancini a due giorni dalla sfida di San Siro contro i campioni d’Europa intervenendo a ‘Vivo Azzurro’, canale social della Nazionale. ”Sabato puntiamo a disputare una grande partita e a giocare bene come nelle ultime due gare – ha continuato il ct azzurro – Voglio un’Italia che attacca anche per ringraziare il pubblico di San Siro. So che verranno in tanti a sostenerci e questo è molto importante”.

Come poter seguire la partita

Italia-Portogallo sarà visibile in chiaro e gratis su Rai 1, anche in HD, oltre che in streaming gratis su Rai Play. Calcio d’inizio alle 20.45, telecronaca di Alberto Rimedio e Antonio Di Gennaro.