Calcio Napoli, domani big-match col City. Gli elogi di Yaya Touré

1052
calcio napoli big-match col cit

Calcio Napoli, azzurri al “bivio-Champions” col City. Il centrocampista degli inglesi Yaya Touré: “Napoli ha un grande pubblico e una grande squadra”.

di Luigi Maria Mormone – Per il Calcio Napoli (capolista in campionato con 31 punti sui 33 disponibili), è arrivato il momento di dare la svolta anche in Champions League. La gara di domani sera contro il Manchester City di Pep Guardiola sarà importantissima per il cammino degli azzurri nella massima competizione europea. La squadra di Maurizio Sarri, che all’andata ha perso 2-1 con l’onore delle armi, dovrà necessariamente fare punti, altrimenti rischia la “retrocessione” in Europa League. Il calore di un San Paolo strapieno sarà ancora una volta importantissimo per la formazione napoletana, che già una volta ha affrontato e battuto i Citizens tra le mura amiche. Era il 2011, quando una doppietta di Cavani rese inutile il gol di Balotelli: 2-1 il risultato finale, Napoli agli ottavi e City declassato nella vecchia Coppa Uefa. Una partita a suo modo storica. Di quel City c’è ancora l’ivoriano Yaya Touré, uno dei massimi interpreti al mondo del ruolo di centrocampista (che ora, a 34 anni, non è più titolare fisso), il quale rimase estasiato dall’atmosfera del San Paolo, vero e proprio dodicesimo uomo in campo. L’ex Barcellona, a La Gazzetta dello Sport, ha nuovamente sottolineato l’incidenza del pubblico napoletano in quell’occasione:calcio napoli big-match col cityLa cosa che m’impressionò di più fu il pubblico. Un tifo caldissimo, spettacolare. Il San Paolo è uno stadio che non ti lascia indifferente, neppure da avversario. Un sostegno come quello del pubblico di Napoli dà maggiore forza ad una squadra. Non mi intimorisce da giocatore del City, ma mi preoccupa per la carica che dà alla formazione di casa. Nei momenti di difficoltà, fan come quelli del Napoli possono essere determinanti”. Tanti elogi anche per Sarri e la sua squadra: “Il Napoli offre uno dei migliori calci d’Europa e batterlo è stato una nota di merito. Il suo allenatore, Maurizio Sarri, viene considerato un innovatore del calcio italiano e per quello che ho visto quella sera è una definizione giusta. I giocatori da temere? Mi piace molto Insigne: un bel talento davvero. Ma il Napoli ha diversi calciatori importanti: Mertens e Hamsik sono fortissimi e hanno esperienza internazionale. In porta c’è un campione del valore di Pepe Reina“. Davvero grandi attestati di stima, simili a quelli fatti dallo stesso Pep Guardiola prima del match di andata. Domani però c’è il ritorno e il Napoli venderà cara la pelle per aggiungere un’altra pagina di storia al suo bel libro.