giovedì, Maggio 6, 2021

Michele Selillo: l’album “L’amore cos’è” viene lanciato dal singolo “Pè ce fa ‘nnamurà” (VIDEO)

- Advertisement -

Notizie più lette

Michele Selillo: l’album “L’amore cos’è” viene lanciato dal singolo “Pè ce fa 'nnamurà” (VIDEO)
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Michele Selillo sul suo primo lavoro (prodotto da ZEUS Record): “Il mio primo album “L’amore cos’è” è uscito in pandemia. Momento discograficamente sbagliato ma abbiamo bisogno di amore e cura ora più che mai”.

- Advertisement -

Attore e cantautore napoletano, Michele Selillo, classe 1988, nato e cresciuto ai Quartieri Spagnoli, nel periodo della pandemia ha portato sul mercato discografico il suo primo album “L’amore cos’è” (Zeus Record), in cui ha raccolto nove brani tra inediti, alcuni dei quali scritti in pieno lockdown, una sua interpretazione di “Vaseme” di Enzo Gragnaniello e c’è anche un feat con Mr Hyde, di cui è stato di recente pubblicato il video sul canale Youtube.

Il singolo lancio del lavoro discografico “L’amore cos’è” è “Pe’ ce fà ‘nnammurà”, scritto da Selillo nel 2018 e scelta come canzone apripista, non solo per le parole d’amore ma anche per il video in cui vengono mostrate le bellezze monumentali di Napoli e, soprattutto, dei Quartieri Spagnoli, nel centro storico della città. Nell’album ci sono anche “Balla nennè”, “Luntano”, “L’amore cos’è”, “Si dice mamma” e due canzoni scritte a più mani: “Comme faccio”, scritta da Selillo insieme a Luigi Serretta e Sergio Iodice, autore di tanti brani celebri del canzoniere italiano, tra cui “Vola” di Eduardo De Crescenzo; e “Nuje” feat Mr Hyde, scritta con Ludo Brusco, Gianpaolo Ferrigno e Rudy Brasiello. L’album è tutto in dialetto con una sola canzone in italiano, “Senza fiato”.Michele Selillo: l’album “L’amore cos’è” viene lanciato dal singolo “Pè ce fa 'nnamurà” (VIDEO) «La scelta di fare uscire il mio primo disco in piena pandemia è stata fatta per stare vicino alla gente, in un tempo storico in cui la distanza fisica era estrema, ognuno chiuso in casa sua – racconta Michele Selillo –. Un momento discografico sicuramente sbagliato, ma anche, forse, il più giusto per parlare d’amore e di buoni sentimenti. Covid-19 ci ha tutti catapultati in una dimensione assurda e anche claustrofobica. Un tempo che sembra infinito, peraltro. Scrivere, fare musica, diffonderla può essere un antidoto alla paura, alla tristezza, alla solitudine. La musica è il mezzo più potente per arrivare al cuore delle persone, e scrivere è stata una cura per me».

Con Michele Selillo, per la realizzazione di questo album, Maurizio Fiordiliso (chitarra), Alfredo Golino (Batteria), Gaetano Diodato (basso), Maurizio Bosnia (tastiere e arrangiamenti). Ha una voce intensa Michele, che nella sua formazione artistica ha frequentato il teatro, di cui si è innamorato all’età di 6 anni, quando, con la complicità dei registi, assisteva alle prove al Teatro Nuovo; e, dagli 8 ai 14 anni, ha partecipato ai corsi organizzati dal Comune di Napoli, fino ad arrivare, a 18 anni, in palcoscenico con Lucia Cassini, Caterina De Santis, Beppe Vessicchio e Gianfranco Gallo, nel cast del musical “Quartieri Spagnoli”.

PÈ CE FÀ ’NNAMURÀ: il video e il testo della canzone

E astrigneme cchiu’ forte chesti mane
E cammenamme a pere sotto ‘a luna
E’ ‘o stesso juorne ‘e quanno te ‘ncuntraje
T’aggio chiammato ammore ‘a chella sera
Je pe’ te desse ‘a vita e si ‘o vuo’ sape’
Nun me ‘mporta ‘e nisciuno pecche’
Si’ ‘a sola pe’ me

Rieste pe’ sempe cu’ me
Abbracciata e cuntenta te voglio vede’
De’ parole ‘sti lacreme
So’ cchiu’ doce pe’ me
Tanto po’ ‘o saje pure tu
Si me guarde cu’ st’uocchie je nun parlo cchiu’
Chist’ammore do tiempo nun se fa ferma’
E ‘o core corre annanze e senza ce pensa’
L’ammore e’ comme ‘o viento sbatte a cca’ e a lla’
Pe ce fa’ annammura’ e pe’ ce accarezza’

‘A luna e’ ‘a cumpagnia ‘e ‘stu quartiere
Addo’ simme crisciute ‘mmiezo ‘e scale
Felici ce scagnavemo e pensiere
Curreva ‘a fantasia tra nuje criature
Viene cca’ ‘n’atu vaso voglio arrubba’
Si scetato me faje sunna’ te voglio guarda’

Rieste pe’ sempe cu’ me
Abbracciata e cuntenta te voglio vede’
De’ parole ‘sti lacreme
So’ cchiu’ doce pe’ me
Tanto po’ ‘o saje pure tu
Si me guarde cu’ st’uocchie je nun parlo cchiu’
Chist’ammore do tiempo nun se fa ferma’
E ‘o core corre annanze e senza ce pensa’
L’ammore e’ comme ‘o viento sbatte a cca’ e a lla’
Pe ce fa’ annammura’ e pe’ ce accarezza’

Tanto po’ ‘o saje pure tu
Si me guarde cu’ st’uocchie je nun parlo cchiu’
Chist’ammore do tiempo nun se fa ferma’
E ‘o core corre annanze e senza ce pensa’
L’ammore e’ comme ‘o viento sbatte a cca’ e a lla’
Pe ce fa’ annammura’ e pe’ ce accarezza’

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie