26-11-20 | 05:30

Libri scolastici, una croce per le famiglie italiane. Perchè?

Home Attualità Libri scolastici, una croce per le famiglie italiane. Perchè?
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
5a9fa1d6595dda5678b20c716ed74260?s=120&d=mm&r=g
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

di Maria Sordino – La crisi degli ultimi anni, che ha attanagliato tutti i settori economici d’Italia, ha messo in moto anche la lobby degli editori, che sembra avere avuto la meglio. Cosa è successo?

Dall’anno scolastico 2014/2015, è caduto il blocco di sei anni per le scuole medie e superiori e di cinque per le elementari sulle adozioni dei testi scolastici, per cui gli insegnanti possono cambiare i libri adottati senza vincoli: in teoria, anche ogni anno. Le famiglie non possono passare ai figli più piccoli i libri dei fratelli maggiori e ricorrere al mercato dell’usato è sempre più complicato. Succede, infatti, che vengono spacciati per nuove edizioni testi che, con solo qualche pagina in più rispetto alle ristampe precedenti, impediscono alle famiglie di acquistare quegli stessi titoli tra i testi usati.

Ma quali sono le motivazioni? Girando nel web, per i siti internet di alcune Case Editrici che si occupano di scolastica è possibile leggere: “Cambia il mondo in cui viviamo, cambia la scuola, cambiano i ragazzi, cambiano le discipline, cambia la didattica. Per tutti questi motivi cambiano anche i libri di testo. Non soltanto nuovi autori scrivono nuovi libri, ma gli stessi autori modificano quelli che avevano scritto, per migliorarli e renderli adatti alla scuola che si trasforma”.

Sacrosanta verità: viviamo nell’era della tecnologia e della globalizzazione e la velocità ne è requisito fondamentale.

Ma davvero la nostra scuola va così veloce?

Proviamo a fare un esempio: il passaggio alle versioni digitali dei testi scolastici, che potrebbe essere un modello tangibile dei tempi che cambiano e che comporterebbe anche un discreto risparmio per le famiglie, non riesce a decollare. Il mondo produttivo e la stessa scuola non sono ancora pronte a una novità generalizzata sui testi digitali. Solo l’1% della spesa per i libri scolastici, che ammonta a 1 miliardo di euro, è investita in testi esclusivamente digitali. Seimila sono i titoli solo digitali in circolazione, anche se appena il 20% degli studenti consulta la parte digitale dei libri misti, che rappresentano l’85% del mercato complessivo. Alla faccia dello zaino pesante.

E allora?

Secondo l’Associazione italiana degli editori, nel 2011 il mercato dei libri scolastici ha fruttato oltre 649 milioni di euro: quasi il 20 per cento del giro d’affari del mercato italiano dei libri. Ma nel 2012 le cose sono peggiorate per via di un calo delle vendite del 7,5 per cento. Nel 2014, però, cade il blocco sulle adozioni e la musica cambia: un grosso punto a favore degli Editori.

La verità è che, se da un lato il cambiamento, oggi, si misura in anni, se non in mesi e la spinta viene dalla ricerca e dall’innovazione, è anche vero che dal mercato, che su questo cambiamento prospera, vengono i nuovi bisogni e il modo per soddisfarli.

Succede così che, in un sistema scuola pachidermico, che si disperde dietro burocrazie eterne per attuare anche i bisogni essenziali per i nostri ragazzi, l’unica realtà che corre veloce è il turnover nell’adozione dei libri di testo…

 

 

 

- Advertisement -

Ultime Notizie

Beautiful, anticipazioni al 5 dicembre: Katie rischia la vita

Beautiful, anticipazioni dal 30 novembre al 5 dicembre. Katie scopre di avere una grave insufficienza renale e di avere poco tempo per il trapianto. Arrivano le...

Stasera in tv, giovedì 26 novembre: “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban” su Canale 5

Ecco la guida dei film in onda sui principali canali in prima serata giovedì 26 novembre. Scopri cosa sarà trasmesso in anticipo stasera in...

Scozia, assorbenti gratis per legge a tutte le donne

La Scozia è la prima al mondo e la legge ha ricevuto ieri il via libera finale del Parlamento di Edimburgo. In Scozia tutti i...

De Magistris: “Lutto cittadino e Stadio San Paolo diventi Stadio Maradona”

Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha proclamato il lutto cittadino per la morte di Diego Armando Maradona. Qualche tifoso fuori lo Stadio...

L’Amica Geniale 3: le riprese della terza serie partono da Napoli

L’Amica Geniale 3: dopo le prime due stagioni (che hanno registrato boom di ascolti su Rai 1) partono da Napoli le riprese della terza...