domenica, Ottobre 17, 2021

La Terra dei fuochi alza la testa: ieri manifestazione pacifica per la tutela dell’ambiente e della salute pubblica

- Advertisement -

Notizie più lette

Gianmarco Giuglianohttps://www.2anews.it
Gianmarco Giugliano, cura la pagina dello sport calcio di 2ANews, laureato in Giurisprudenza, scrittore e giornalista.

La manifestazione pacifica è stata promossa dal comitato Kosmos. I cortei sono partiti da Giugliano, Qualiano, Villaricca e Parete.

Se le autorità locali per decenni non sono intervenute ed, anzi, hanno contribuito allo scempio ambientale che i cittadini sono costretti a vivere; se le autorità comunali, adesso, hanno pochissimi poteri per poter contrastare il fenomeno dei miasmi e della contaminazione della cosiddetta Terra dei fuochi, allora è la cittadinanza che deve far sentire la sua voce.

Una cittadinanza che in maniera composta, unita e legata al territorio, ieri pomeriggio, è scesa per strada con la speranza che le autorità regionali e nazionali possano finalmente invertire una rotta che ha portato tutti i Comuni facenti parte della cosiddetta Terra dei Fuochi in una situazione insostenibile e raccapricciante.

Ogni notte, puntuali come il buio della notte, i miasmi vengono avvertiti in tutta la zona di Giugliano e dintorni mentre lo scaricabarile delle cause continua in maniera davvero sfiancante e riprovevole.

La manifestazione di ieri, che ha visto la partecipazione di un notevole numero di persone, ha voluto esprimere in maniera composta e pacifica tutto lo sdegno per questa assurda situazione ambientale che va ad aggiungersi allo stupro che da decenni viene compiuto su questa terra.

Alla manifestazione hanno partecipato i sindaci di Giugliano Nicola Pirozzi con diversi consiglieri di maggioranza ed opposizione, di Qualiano Raffaele De Leonardis, l’amministarzione comunale di Qualiano, Calvizzano oltre all’ex sindaco di Villaricca Rosaria Punzo.

La sinergia tra istituzioni e cittadinanza attiva può diventare un’arma importante per sollecitare le autorità superiori ad un intervento che non può essere più prorogato.

La manifestazione è stata promossa dal comitato Kosmos molto attivo sui social con lo scopo di unire trasversalmente cittadini, organizzazioni sociali, politiche e di scopo per rappresentare la “giustizia ecologica e la tutela della salute pubblica dei cittadini”.

La Terra dei Fuochi alza la testa ma ci vuole l’impegno di tutti i cittadini, ognuno con le proprie competenze, per poter davvero fare qualcosa e invertire la rotta di una terra troppe volte violentata e lasciata sola.

Può essere l’inizio di una battaglia che, uniti, può essere vinta in nome dell’ambiente ma soprattutto della dignità della vita.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie