mercoledì, Luglio 24, 2024

#Fridayhorror12 – Fobie bizzarre e peculiari

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Una fobia è un disturbo d’ansia estremamente comune che nasce da paure eccessive. Ma vediamo insieme quali sono le fobie più comuni.

a cura di Stefania Unida e Jolie Marie Trahar – Ognuno di noi vede il mondo attraverso una lente diversa ed è in grado di offrire la propria prospettiva unica per quanto riguarda il modo in cui vive l’universo che ci circonda. La paura è una risposta evolutiva che la maggior parte degli animali possiede per sopravvivere. Tuttavia, il senso di paura negli esseri umani è molto sviluppata, e ci permette di prevedere e reagire ad una varietà enorme di minacce esterne. A volte il nostro senso di paura può essere notevolmente esagerato, il che significa che proviamo un’enorme paura verso uno stimolo che è o improbabile che possa farci del male o verso una situazione che è improbabile che si verifichi. In altri casi, la nostra paura si può orientare verso qualcosa che noi percepiamo come una minaccia, ma altre persone non sono in grado di percepirla come tale. Questi sentimenti irrazionali verso uno stimolo che non rappresenta un reale pericolo possono essere descritti come fobie.

Una fobia è un disturbo d’ansia estremamente comune che nasce da paure eccessive o irrealistiche intorno ad un oggetto o una situazione. La fobia è una paura irrazionale, persistente e sproporzionata, e con cui gli altri si confrontano senza particolari difficoltà psicologiche. La persona fobica si rende conto dell’irrazionalità della propria paura, ma, nonostante questo, non riesce a controllarla con spiegazioni razionali, dimostrazioni e ragionamenti. Le fobie possono diventare così estreme che un individuo potrebbe cominciare ad organizzare il resto della sua vita in modo da evitare di entrare in contatto con la sua particolare fobia. Le ragioni per cui le persone sviluppano queste paure eccessive possono variare, ma di solito la spiegazione è una delle seguenti:

  • La fobia può essere associata ad un particolare incidente o ad un trauma (ad esempio l’aracnofobia è spesso determinata dalla paura del morso di ragno).
  • La fobia può essere una risposta acquisita che una persona ha sviluppato presto nella vita osservando il comportamento di un genitore o di un fratello più grande.
  • Anche la genetica può svolgere un ruolo nello sviluppo delle fobie. Ci sono prove che suggeriscono che alcune persone nascono con la tendenza ad essere più ansiose di altre.

Questo venerdì diamo un’occhiata ad alcune fobie sorprendenti e bizzarre.

Somnifobia

La sonnifobia descrive una paura irrazionale ed eccessiva nei confronti del sonno. I sonnifobi possono cominciare a temere di addormentarsi perché associano l’andare a letto con la morte o la vulnerabilità. Tale fobia può anche derivare da una sensazione di mancanza di controllo, perché non si è in grado di vedere il mondo intorno mentre si dorme e i sonnifobi temono che qualcosa possa loro accadere mentre il loro corpo è addormentato.

Il problema più importante dei sonnifobi è che quando la fobia diviene incontrollabile, decidono di evitare di dormire per evitare di avere erribili incubi ripetuti. In questi casi, più che del sonno, i sonnifobi sono terrorizzati dagli incubi. Tuttavia, la maggior parte dei sonnifobi hanno più specificamente paura di dormire.

Spettrofobia

L’eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, intesi come fantasmi, detta phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o di vedersi riflessi in uno specchio. Le persone che soffrono di questa fobia sentono un’ansietà totale guardandosi allo specchio, pur rendendosi conto che le loro paure sono totalmente irrazionali. Per via di una diffusa base superstiziosa, gli eisoptrofobici possono preoccuparsi che rompere uno specchio possa portare sfortuna, se non addirittura morte, o che guardarsi allo specchio li metterà in contatto con un mondo sovrannaturale/parallelo sito “al di là” dello specchio. duane-michals-joseph-cornellGli specchi e altre superfici riflettenti sono da tempo associate a ciò che è strano o bizzarro. Di solito chi ne soffre sono individui traumatizzati da un evento in cui essi sono stati convinti di aver visto o sentito un fantasma. Potrebbe anche essere il risultato di un timore superstizioso della persona di essere osservata attraverso lo specchio (questo potrebbe essere causato da problemi paranoia o tratti di una personalità schizotipica). Raramente, gli spettrofobici possono essere stati traumatizzati dalla visione di un film horror, da spettacoli televisivi disturbanti, o dai propri incubi. Essi possono ossessionarsi al pensiero che qualcosa di estremamente spaventoso possa saltare improvvisamente fuori dallo specchio. Alcuni temono il proprio riflesso nel buio, in quanto esso può apparire distorto in modi strani. Altri possono anche aver paura di essere attirati all’interno dello specchio da una forza soprannaturale. In sostanza, chi soffre di questa fobia dovrebbe sicuramente non guardare il film Mirror (2008).

jude-law-e1477386614956Papafobia

La paura del papa o del papato è un fenomeno estremamente raro, ma è stato documentato più volte. Essa è strettamente legata all’Agiofobia (paura esagerata o irrazionale o avversione dei santi e delle cose sacre). Questi sentimenti sono di solito presenti nelle persone molto religiose che si sentono indegne in presenza del sacro, o che sono colpevoli di qualcosa e hanno paura di essere giudicate. Questi timori particolari sono spesso innescati da un trauma associato al papa, o ad abusi sessuali su minori da parte di membri del clero.

Globofobia

Gli individui con questa fobia temono i palloncini in generale o temono che gli stessi scoppino! Di solito le persone che soffrono questa fobia trovano più inquietante il suono del palloncino che improvvisamente scoppia e generalmente questa strana patologia è legata a disturbi estremi occorsi nella loro infanzia che hanno determinato dei profondi traumi. Anche se questa fobia può sembrare divertente per chi legge, i globofobici tendono ad evitare feste ed occasioni speciali come ad esempio le feste di compleanno, i matrimoni, o qualsiasi altra festività che vada a coinvolgere palloncini come decorazioni. Questo può portare a una vita molto solitaria per chi soffre questa fobia. La globofobia è rara, ma tra chi ne soffre vi sono personaggi noti tra cui Oprah Winfrey e Doug Stanhope. In generale, i globofobici si rifiuteranno di toccare, sentire, o andare nei pressi di un palloncino perché temono che scoppierà da un momento all’altro. hey-kid-want-a-balloon-horror-s-5-creepiest-clowns-fcda1185-75e2-4ea2-8ab6-304e290b80a9-gif-65648Essi, infatti, tendono a non fidarsi delle persone che hanno un palloncino in mano o ovunque vicino a loro, soprattutto se si tratta di bambini i quali sono considerati imprevedibili. Se una di queste fobie vi ha fatto diventare ansiosi (o soffrite di un’altra fobia che non ho menzionato), non preoccupatevi perché quasi tutte le fobie possono essere trattate con successo e anche curate! Le fobie semplici possono essere trattate attraverso una graduale esposizione all’oggetto, animale, luogo o situazione che provoca paura e ansia. Questo è noto come desensibilizzazione o terapia di auto-esposizione. Più la fobia è complessa, maggiore sarà il tempo necessario a risolvere il problema. Spesso le terapie “basate sul parlare”, come la consulenza e la terapia cognitivo-comportamentale sono le più adatte.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie