Piscina Galante chiude, Borriello: “Tavolo con la Fin per la sua gestione”

234
Piscina Galante chiude, Borriello: “Tavolo con la Fin per la sua gestione”

Piscina Galante: l’assessore allo Sport Ciro Borriello annuncia la volontà di affrontare in un tavolo con la Federazione Nuoto la questione dell’impianto di Scampia (chiuso per mancato pagamento di affitti arretrati).

Da questa mattina, lunedì 21 ottobre, la piscina Galante di Scampia è chiusa a causa del mancato pagamento di affitti arretrati al Comune di Napoli. Un provvedimento che ha portato tra l’altro l’associazione Tutti a Scuola, che da anni aiuta i ragazzi disabili, ad una protesta in accappatoio e cuffia nei pressi della sede Rai di via Marconi a Fuorigrotta.

A ‘Barba&Capelli’, trasmissione di Corrado Gabriele in onda su Radio CRC, è intervenuto Ciro Borriello, assessore allo Sport: “Gli abitanti sanno da un anno che avremmo chiuso questa piscina, perché da ben 5 anni non veniva pagato l’affitto -afferma Borriello- Abbaiamo dato la possibilità di rateizzare la cifra, ma non è accaduto nulla. Un’altra problematica era la totale mancanza di manutenzione e ristrutturazione dei servizi. E’ molto scorretta l’informazione che sta passando.Piscina Galante chiude, Borriello: “Tavolo con la Fin per la sua gestione” Ora, all’interno di questa piscina, c’è anche un’associazione di disabili, che non ci ha mai pervenuto la richiesta, quindi il Comune non ne era formalmente a conoscenza. Risolveremo il disagio, a tre chilometri c’è un’altra piscina comunale, quindi i ragazzi andranno a nuotare lì. I mie uffici hanno lavorato ad un importante atto comunale, oggi mi daranno gli orari. Chiederò alla Federazione Nuoto uno sforzo, tenendo la piscina aperta. Stabiliremo un tavolo per gestire la piscina. Ci sono delle attrezzature che richiedono molte competenze, quindi non posso chiedere alle istituzioni comunali di potersene occupare”.

Carmine Esposito (gestore piscina Galante): “I ragazzi perderanno la possibilità di accrescere le loro potenzialità”

A Radio CRC è intervenuto anche Carmine Esposito, gestore della piscina comunale Galante: “Ci sono tante associazioni che si appoggiano in piscina, ma, ancor di più, la piscina ha dato la possibilità a molti ragazzi di accrescere le loro potenzialità. In un momento in cui si parla di fuga di cervelli, la possibilità di poter accrescere le proprie potenzialità era una certezza, che è stata distrutta. Il Comune ha dichiarato lo sgombero, esecutivo questa mattina, a causa di un contenzioso che afferma di dover pagare lo stesso affitto di tutti i locali del comune. Chiedendo di pagare 15.000, 16.000 euro annui. Mentre le persone nuotavano -afferma Esposito- ieri hanno smontato i phon nelle docce. Ci opporremo, proveremo a far rumore in altro modo.Piscina Galante chiude, Borriello: “Tavolo con la Fin per la sua gestione” Diamo credibilità alle parole dell’Assessore Borriello. Credo sia importante salvaguardare tutta la professionalità che i ragazzi esprimono. Avevamo tante persone che arrivavano anche da altri quartieri, grazie alla professionalità dei nostri istruttori. Sembra che l’unica cosa che conti sia l’affitto: un discorso del genere non me lo aspetto da un’amministrazione pubblica, ma da un privato che fitta un appartamento. Le aree parcheggio erano piene di rifiuti speciali, questione che denunciavamo da anni, ma nessuno ci ha mai ascoltati. Ci sono tanti ragazzi che lavorano e che da domattina dovranno andare in giro a cercare un altro impiego”.

Apostolos Paipais (pres. VIII Municipalità): “Incontrerò i sindacati per trovare una soluzione”

Sulla questione piscina Galanti scende in campo anche Apostolos Paipais, presidente dell’VIII Municipalità: “Quella della piscina Galante è una situazione molto complicata -dichiara Paipais a CRC- Personalmente mi son già attivato, non solo sentendo Ciro Borriello, ma cercando delle spiegazioni. C’è la massima solidarietà, le istituzioni devono risolvere questo problema sociale. Ci sono tanti bambini che hanno bisogno di queste strutture per poter continuare le loro attività. Mi sono interfacciato con il Sindacato, oggi ci sarà un incontro per discutere di questa problematica. C’è un contenzioso che va da anni avanti.Piscina Galante chiude, Borriello: “Tavolo con la Fin per la sua gestione” La Municipalità, nonostante ciò che accade, non è stata informata dal Comune. Ci sono circa 130/140.000 euro di contenzioso. Vorrei ben capire anche la situazione strutturale. Questo contenzioso, associato ad una non manutenzione degli impianti e, quindi, della sicurezza, provoca questi episodi. La mia preoccupazione più grande è che quella struttura possa venir vandalizzata. La Municipalità vuole chiedere che tutti bambini vengano trasportati in un’altra piscina, così che non soffrano la chiusura. Per quanto riguarda il contenzioso, dobbiamo capire se si può rientrare. A me interessa la salvaguardia dei cittadini”.

Foto piscina: pagina Facebook Piscina Galante