Lucia Oreto tra la tradizione e la modernità

527
Lucia Oreto tra la tradizione e la modernità
Condividi articolo:

Lucia Oreto, attrice poliedrica e versatile sempre divisa tra la divulgazione della tradizione ed il teatro di impegno civile.

Lucia Oreto tra la tradizione e la modernitàL’ attrice Lucia Oreto continua a fare parlare del suo impegno per il teatro e per la scena. Grazie alla storicizzata formazione teatrale “Trio San Carlino”, continua ad essere in primo piano per tanti momenti di teatro e per tanti corsi di recitazione ( per informazioni è possibile contattare il numero 360637399) capaci di diffondere tra i giovani l’amore per la commedia dell’Arte. Dopo aver pubblicato un libro ( Il Trio San Carlino) ed aver lavorato con gli indimenticabili Pasquale Esposito (ultimo Don Anselmo Tartaglia) ed Antonio Sigillo (ultimo Pulcinella), Lucia Oreto, continua senza sosta con la divulgazione e la difesa della memoria delle celebri maschere di Pulcinella, Tartaglia e Colombina. Divisa tra il teatro comico napoletano e quello più impegnato ed ancora, tra i grandi registi teatrali e le fiction Rai, la brava Oreto ha anche messo a punto un progetto rivolto al sociale intitolato: “Sposa bambina la femminilità violata”, in bilico tra la poesia, la narrazione e l’arte pittorica. Siciliana di nascita ma napoletana d’adozione, nonchè diplomata al Liceo Linguistico Internazionale di Napoli, l’attrice Lucia Oreto, ha avuto moltissime esperienze in teatro, tra cui, quella con la Compagnia dello storico Sannazaro di Luisa Conte. La popolare artista ha anche interpretato la parte della mamma del carbonaio nel noto film ”Io speriamo che me la cavo ” con Paolo Villaggio. In questi giorni, oltre ad essere alle prese con le sue interessanti lezioni per la la rivalutazione della Commedia dell’Arte e dei personaggi che ruotano intorno alla maschera di Pulcinella, Lucia Oreto, è impegnatissima per una serie di spettacoli tutti imperniati sulla storia di Napoli, dedicati ai turisti ed agli spettatori di tutto il mondo. Sempre protesa verso l’arte, la storia teatrale partenopea ed il sociale, Oreto,si pone al pubblico come una delle ultime sincere testimoni della grande tradizione del teatro popolare napoletano e come una delle attente protagoniste delle forme di spettacolo per il pubblico di oggi.

Condividi articolo: