Fiera del libro a Napoli, presentato il programma in Sala Giunta

796

L’assessora ai giovani Alessandra Clemente: “Ricomincio dai libri è un coraggioso investimento culturale. Sono certa che sarà un successo”.

di Luigi Maria Mormone – È stata presentata stamattina nella Sala Giunta del Comune di Napoli la IV edizione di Ricomincio dai Libri, la fiera del libro che si terrà dal 29 settembre all’1 ottobre presso l’Ex Ospedale della Pace in Via dei Tribunali 227. Presenti il direttivo organizzatore dell’evento (Miryam Gison per La Bottega delle Parole, Gianluca Calvino per Librincircolo, Deborah Divertito per Coop. Sociale Sepofà e Paquito Catanzaro per Parole Alate), il vicesindaco di Napoli Raffaele Del Giudice, l’assessora ai Giovani Alessandra Clemente, l’assessore alla Cultura Nino Daniele, l’assessore alla cultura della IV municipalità Giovanni Parisi e lo scrittore Pino Imperatore (uno degli ospiti più attesi della fiera). Mancano ormai tre giorni alla kermesse che rappresenta il ritorno di una fiera del libro in terra partenopea dopo tanti anni. Saranno tre giornate in cui la cultura sarà grande protagonista, con l’ex Ospedale della pace che si trasformerà in un grande teatro dove si terranno incontri, attività, presentazioni e dibattiti. Protagonisti di questa festa (perché tale deve essere considerata) non saranno soltanto i big della letteratura nostrana (tra i quali spiccano Maurizio De Giovanni e Lorenzo Marone) ma anche case editrici, giovani autori e numerose associazioni, le quali svolgeranno tanti laboratori e workshop. La fiera arriva a Napoli dopo tre splendide edizioni in quel di S.Giorgio a Cremano, la città di Massimo Troisi (al cui celebre film è ispirato il nome della manifestazione). Tutto è nato dalla splendida rete associativa creata dagli organizzatori, tra cui Miryam Gison: “Trovarmi a Napoli per la fiera del libro -ha detto la Presidente de La Bottega delle parole – rappresenta un fatto quasi inaspettato e lo considero una conquista per tutti noi organizzatori che abbiamo fatto partire questa sfida dal basso. Siamo partiti da S. Giorgio a Cremano, in cui abbiamo organizzato tre fiere del libro per crescere. Quest’anno ci sentivamo pronti a fare il grande salto e mi auguro che i tre giorni della fiera regalino soddisfazioni. Un immenso grazie va alle istituzioni cittadine e a tutte le persone che ci stanno supportando, dallo staff ai nostri partner, senza i quali sarebbe stato impossibile realizzare questa “follia”. Nostro proposito –ha concluso Gison- è stato quello di creare una tre giorni che fosse un’importante occasione sia per gli editori, i quali avranno una piazza di vendita a Napoli, che per le associazioni, all’interno delle quali al giorno d’oggi passa la maggior parte della cultura”. Alessandra Clemente sottolinea l’importanza della collocazione della fiera nel cuore del centro storico, elogiando le associazioni organizzatrici della manifestazione: “Voglio sottolineare -ha detto l’assessora alle politiche giovanili- la volontà dell’amministrazione comunale e della IV municipalità di far svolgere la fiera del libro all’interno del Centro Storico. Con quest’iniziativa viene raccontato anche il programma della nostra amministrazione, che è quello di riconquista di questa parte della città. Ringrazio gli organizzatori per il coraggioso investimento culturale e per la fortissima capacità di fare rete, da cui è nato un programma all’interno del quale ci sono tante positività delle nostre terre. Siamo certi –ha concluso Clemente- che la fiera del libro sarà un successo e ci auguriamo che quest’appuntamento diventi una piacevole consuetudine”.