Napoli, San Giovanni a Teduccio: ferisce due carabinieri che lo inseguivano, arrestato

338
eri sera i Carabinieri della Compagnia di Torre del Greco hanno tratto in arresto tre uomini e denunciato una coppia di coniugi. In particolare a Ercolano è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale un quarantenne che non si è fermato all’alt intimato dai carabinieri ed è fuggito alla guida del proprio scooter. I militari lo hanno inseguito e tratto in arresto dopo essere riusciti a bloccarlo. Altri due uomini sono stati arrestati in esecuzione di provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria. Di questi, un ventitreenne è stato arrestato a Portici in esecuzione di un ordine di carcerazione in regime domiciliare per una rapina commessa nel 2011. L’altro soggetto, un uomo di 48 anni, è stato arrestato a Cercola in esecuzione di un ordine di carcerazione per il reato di ricettazione commesso nel 2014. Nello stesso pomeriggio, una coppia di coniugi è stata denunciata in stato di libertà a seguito del rinvenimento di una pistola a salve cal. 8, priva di tappo rosso, 58 proiettili di vario calibro e due passamontagna.

Napoli, San Giovanni a Teduccio. 37enne fermato dai carabinieri scappa in sella al suo scooter, arrestato poco dopo.

San Giovanni a Teduccio: arrestato 37enne dopo inseguimento

Un 37enne già noto alle forze dell’ordine è stato fermato dai carabinieri a San Giovanni a Teduccio. L’uomo però è scappato in sella al suo scooter ferendo due agenti, facendo perdere le sue tracce.

I carabinieri però lo hanno rintracciato non lontano dalla sua abitazione  e lo hanno arrestato. Processato per direttissima è stato giudicato e costretto alla presentazione alla polizia giudiziaria.

Vediamo cosa è successo a San Giovanni a Teduccio.

San Giovanni a Teduccio: arrestato 37enne dopo inseguimento

Lungo il corso protopisani i carabinieri della sezione operativa poggioreale gli hanno imposto l’”alt” ma Antonio Digitale, 37enne già noto alle forze dell’ordine, residente nella zona, alla guida di uno scooter, non si è fermato.

Anzi, nella fuga ha chiuso la portiera dell’auto di servizio colpendo uno dei due militari alla caviglia e al gomito poi, passando ad alta velocità a bordo dello scooter, ha urtato il secondo carabiniere.

Si è dato alla fuga ma è stato rintracciato non lontano dalla sua abitazione e tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale.

Giudicato con rito direttissimo, è stato sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria 2 volte al giorno per 3 giorni alla settimana.