lunedì, Aprile 22, 2024

Torre del Greco, dall’idea al business plan: Bcp lancia “Che impresa ragazzi!”

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormone
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Torre del Greco: Banca di Credito Popolare lancia il nuovo progetto di educazione finanziaria rivolto a tutte le scuole della Campania.

Investire sulla cultura economica dei giovani per un creare un patrimonio al servizio del futuro del territorio: si chiama Che Impresa Ragazzi! il nuovo progetto di educazione finanziaria che vede la Banca di Credito Popolare impegnata in qualità di Tutor per tutte le scuole della Campania iscritte all’iniziativa.

Il percorso, avviato ieri in collaborazione con FEDUF – Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio – coinvolgerà i ragazzi su diversi temi economici e finanziari, ma soprattutto li guiderà nella trasformazione di un’idea in un vero e proprio progetto imprenditoriale con la strutturazione del relativo business plan.

I professionisti della Banca incontreranno on line, nell’arco di una settimana, oltre 800 ragazzi appartenenti a diversi Istituti superiori della regione. Alla fine del percorso, i migliori progetti parteciperanno al concorso nazionale che si terrà in autunno a Roma all’ABI. “Questi progetti – afferma Mauro Ascione, Presidente BCP – rappresentano uno sbocco naturale per la nostra mission. La consapevolezza di essere banca del territorio ci responsabilizza e ci impone di creare ogni giorno opportunità concrete di lavoro per i nostri giovani, nella terra dove sono nati e dove intendono vivere e crescere.

L’educazione finanziaria è oggi, a nostro avviso, indispensabile nella formazione, per l’acquisizione di conoscenze e competenze necessarie ad effettuare scelte più consapevoli e avere un corretto rapporto con il denaro e con il suo valore, gestirlo responsabilmente per sé stessi e per la comunità, facilitando la crescita di una cittadinanza attiva e responsabile“.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie