Ieri, oggi, domani. A Napoli nel segno della bontà e dei miti del cinema

0
570

NAPOLI- Sull’onda delle vestigia dell’indimenticabile ristorante “La Fila”, il popolare locale napoletano che tra gli anni ’80 e ’90, grazie alla Signora Elvira, tenne banco in città per pizze e specialità culinarie, in via Nazionale, è nato “Ieri oggi, domani”, l’accogliente ritrovo di Paola e Pasquale Casillo ( nella foto con Maurizio Cortese) che tra cucina e pizzeria sta già conquistando il cuore dei napoletani. Con due chef come Salvatore Acampa e Gennaro Trematerra, lo stesso che è reduce da una ventennale esperienza nel già celebre ristorante di Mergellina “Il Delicato” ed ancora, con un giovane maestro pizzaiolo come Enzo Bastelli, il nuovo punto d’incontro per buongustai si avvia deciso verso una crescente popolarità. Grazie ad un menu studiato dall’apprezzato consulente enogastronomico Maurizio Cortese, tutto imperniato, fatta eccezione per qualche escursione oltre i confini regionali, sulle eccellenze campane, “Ieri, oggi, domani” per gli amici e per la sua clientela intende offrire davvero il meglio. Con un menù ispirato alla semplicità così come la carta delle birre e dei vini, dove a parte qualche puntatina in Francia, nelle regioni della Borgogna e degli Champagne, a primeggiare c’è sempre tanta Campania, con la nuova ed elegante trattoria, tutto sembra avere il gusto delle cose buone . Ed è stato con queste premesse che alla sua prima uscita ufficiale il ristorannte pizzeria: “Ieri, oggi, domani”, ispirandosi per il nome all’omonimo celebre film, Premio Oscar 1965, con i tre grandi artisti Sofia Loren, Marcello Mastroianni e Vittorio De Sica, ha inteso offrire alla città uno di quei persi luoghi di aggregazione dopo spettacolo, per attori, artisti e cantanti. Fidando sul rinnovato fermento di una Napoli ancora nobilissima, crocevia culturale d’Europa, già capitale di uno dei Regni più potenti della storia e patria di grande teatro, il nuovo locale a pochi passi da Piazza Garibali, si presenta come un punto di riferimento per chi intende fare del momento della tavola un motivo di relax per lo spirito. Grazie alle cure della “Cortese way”, della “Activart Communication”, della “Sanfelice Engineering” e della “ADM Studio” ed infine, della società cinematografica Filmauro srl per la fornitura di alcuni complementi d’arredo a titolo gratuito, il nascente ristorante con il pallino del luogo cult sembra aver imboccato la strada giusta per conquistare simpatie e palati. Presenti tanti amici, esperti del settore e giornalisti enogastronimici ed ancora, alcuni personaggi del mondo della televisione come l’astrologo Riccardo Sorrentino ed il cantautore Nando Misuraca, per la serata inaugurale, agli intervenuti, lo chef ed il pizzaiolo hanno offerto tante specialità, come delle piccole montanare al ragù ed alla genovese, una margherita ed una pizza peperoni, fior di latte e salamino piccante, un assaggio di genovese e ragù, fino a giungere ad un piccante pollo alla cacciatora ed al dolce home made firmato Paola Casillo. Il tutto, naturalmente innaffiato da tanti vini Campani tra cui l’ottimo Gragnano “Ottouve” e l’immutabile “Falerno del Massico” rosso di Villa Matilde, per l’occasione rappresentata dalla nobile ed illustre vignaiola, Maria Ida Avallone.

di Giuseppe Giorgio