27-11-20 | 18:33

Coronavirus, l’istituto Migal di Israele: Pronti test per vaccino

Home Salute e Benessere Coronavirus, l’istituto Migal di Israele: Pronti test per vaccino
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
599502bf1251893075478e45e73ad948?s=120&d=mm&r=g
Maria Sordinohttps://www.2anews.it
Maria Sordino - cura la pagina della sanità, sociale, attualità, è laureata in Scienze Biologiche, scrittrice.

Il Galilee Reasearch Istitute (Migal) di Israele ha annunciato di essere prossimo alla sperimentazione in vivo di un vaccino per il Coronavirus.

Il Migal, istituto di ricerca israeliana, ha annunciato in questi giorni di aver raggiunto risultati scientifici importanti per la realizzazione in tempi rapidi di un vaccino contro il coronavirus.

La possibilità di avere un vaccino sarebbe emersa dall’osservazione che esiste un’elevata somiglianza genetica tra il COVID-19 umano e un Coronavirus che causa una bronchite infettiva nel pollame, su cui l’istituto stava già lavorando da tempo.

Oltre alla somiglianza genetica, sembra che i due virus utilizzano anche lo stesso meccanismo di infezione, un fatto che aumenterebbe la probabilità di ottenere un vaccino umano efficace in breve tempo.

L’istituto Migal, dopo aver apportato le necessarie modifiche genetiche per adattare il vaccino al Covid-19 (il ceppo umano del coronavirus), sta ora lavorando per ottenere le approvazioni che consentiranno i test in vivo. Saranno necessarie comunque ancora molte settimane per completare i protocolli di sicurezza, passaggio indispensabile per avviare la produzione del vaccino contro il Coronavirus.

Dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases, intanto, il direttore Anthony Fauci avverte: «Un vaccino creato e testato in un anno non è un vaccino che si può usare. L’attesa, prima di avere un vaccino, non può essere inferiore a un anno, un anno e mezzo».

Insomma, prima del 2021 sarà molto difficile poterne parlare.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Covid 19 a Napoli: funziona il protocollo D’Amato per le cure domiciliari

Covid 19 a Napoli: molti medici di famiglia hanno adottato il protocollo di Gennaro D’Amato (ex primario del Cardarelli, che cura i pazienti in...

Coronavirus in Campania, i dati del 26 novembre: 2.924 nuovi positivi e 2.650 guariti

Coronavirus in Campania: il bollettino di ieri 26 novembre dell'unità di Crisi regionale riporta 2.924 positivi su 22.301 tamponi effettuati. Sono 2.924 i nuovi contagi...

Meteo Campania, le previsioni per il weekend 28-29 novembre: in arrivo nubifragi

Meteo Campania: il ciclone in arrivo sull'Italia darà vita a una forte perturbazione atlantica che impatterà su gran parte delle regioni centro-meridionali. Tra sabato 28...

Covid 19 in Campania, indice Rt sotto l’1: verso la zona arancione?

Covid 19 Campania: il miglioramento complessivo dell’andamento dei contagi nelle ultime due settimane potrebbe spingere il Governo al “cambio” da zona rossa ad arancione....

Covid 19 in Campania, De Luca: “La zona rossa è una buffonata” (VIDEO)

Vincenzo De Luca: il governatore della Campania contesta ancora una volta la divisione dell’Italia in zone gialle, arancioni e rosse. Poi l’attacco sulle terapie...