Riforma Terza Media Esame 2018: Invalsi e Inglese al computer

1838

Quest’anno dovrete affrontare l’Esame di Terza Media 2018? Attenzione perchè con la riforma cambia tutto. Ecco cosa dovete sapere.

Anche se manca ancora un bel po’ di tempo all’Esame 2018, c’è già parecchia agitazione nell’aria per questa nuova Riforma Esame di Terza Media 2018 che porta con sè diversi cambiamenti rispetto al passato. Dopo tanto parlarne, per l’anno scolastico 2017/2018, entrerà in vigore tutto ciò che era stato stabilito e previsto dai decreti attuativi della Buona Scuola. Nello specifico infatti i cambiamenti sono:

  • I Test Invalsi non sono più una prova d’Esame
  • Le altre prove scritte rimangono e sono 3: Italiano, matematica e lingua straniera
  • I criteri di valutazione cambiano si guarda a tutto il percorso scolastico dei tre anni
  • I criteri di ammissione all’Esame di Terza Media sono diversi

Dal 2018, l’Esame di Terza Media sarà quindi più leggero sotto alcuni punti di vista. Non facile, ma affrontabile in modo più rilassato. Per quanto riguarda il colloquio orale per l’Esame di Terza Media 2018, tutto rimane praticamente invariato, dando però un peso maggiore alle competenze trasversali acquisite durante il triennio.

Per gli Invalsi di Terza Media ci sono dei cambiamenti con questa riforma 2018. La prova invalsi infatti viene eliminata dall’Esame di Terza Media, ma non completamente. Aspettate dunque a cantar vittoria perchè gli Invalsi 2018 non saranno più a giugno in concomitanza con gli scritte dell’Esame, ma durante l’anno scolastico. La Prova Invalsi di Terza Media resta quindi un requisito imprescindibile per essere ammessi all’Esame 2018 anche se il voto non verrà influenzato da questo risultato.  Altre novità per via della Riforma per le Prove Invalsi 2018 riguarda la prova di inglese che si aggiungerà a quelle di italiano e matematica e si svolgerà tutta al computer. Le prove Invalsi si svolgeranno per la prima volta al computer tra il 4 e il 21 aprile. I tre scritti dell’Esame di Terza Media 2018 saranno di italiano, matematica e lingue straniere (divisa in due parti, una per ogni lingua studiata). Dopo la parte scritta si passa al colloquio orale per valutare le competenze dell’alunno.  La prova di Italiano dell’Esame di Terza Media 2018 sarà come sempre lo svolgimento di una traccia scelta dalla commissione d’esame. Lo scopo sarà quello di verificare la padronanza della lingua italiana e la capacità di esposizione del pensiero. Ci saranno delle tracce tra cui scegliere che saranno un testo narrativo o descrittivo, un testo argomentativo, una traccia di comprensione e sintesi di un testo letterario, divulgativo, scientifico.terza media La prova di Matematica sarà su diversi argomenti per verificare le capacità e le abilità degli alunni nelle aree dei numeri, dello spazio, delle figure, delle funzioni, delle previsioni. Per la lingua straniera si svolgerà un test sulle competenze di comprensione e produzione scritta di livello A2 del Quadro comune europeo di riferimento per l’Inglese e A1 per la seconda lingua comunitaria. Dopo i tre scritti per l’Esame di Terza Media 2018, è il momento dell’Esame Orale. Con la Riforma il cambiamento che ci sarà riguarda semplicemente l’importanza che viene dato al percorso fatto nei tre anni e non solo alla Tesina che porterete davanti alla commissione. L’Esame Orale darà così più importanza alle competenze trasversali, ma non preoccupatevi: si parte comunque dalla vostra Tesina per l’Esame 2018 e il tutto non durerà più di 15 o 30 minuti. Con la Riforma, la modalità di valutazione dell’Esame di Terza Media 2018, cambia. Verrà dato maggior spazio e peso al processo formativo dei tre anni scolastici e al percorso di crescita e di apprendimento effettuato dagli alunni. I criteri e le modalità di valutazione dell’apprendimento dei singoli alunni saranno decisi dal collegio docenti e, una volta scelti, saranno inseriti nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa. I genitori, per poter capire meglio come sono stati assegnati i voti in decimi, potranno leggere una descrizione del processo di sviluppo dell’apprendimento raggiunto. Inoltre la valutazione del comportamento, la condotta, sarà espresso con un giudizio sintetico non con i voti in decimali. I criteri per essere ammessi poi all’Esame di Terza Media 2018 saranno i seguenti:

  • Limite massimo di assenze per essere ammessi all’Esame: bisognerà aver frequentato almeno tre quarti delle lezioni
  • Condotta: bisognerà non aver avuto delle sanzioni che implicano la non ammissione all’esame
  • Prove Invalsi: bisognerà aver sostenuto le Invalsi di Italiano, Matematica e Inglese