martedì, Ottobre 19, 2021

Vincenzo De Luca attacca Salvini: “Sciacallo, cafone e tre volte somaro” (VIDEO)

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Regione Campania: il governatore Vincenzo De Luca attacca duramente il leader della Lega (che aveva criticato i festeggiamenti per le strade dopo la vittoria della Coppa Italia del Calcio Napoli).

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha fatto il punto della situazione nel corso della consueta diretta Facebook del venerdì. Dopo le critiche per i festeggiamenti in strada dei tifosi del Calcio Napoli in seguito alla vittoria della Coppa Italia, il governatore ha attaccato duramente (pur senza mai nominarlo direttamente) il leader della Lega, Matteo Salvini:

Dobbiamo perdere qualche minuto per dedicare qualche nostro pensiero a un somaro politico che ha ripreso a ragliare – dice sarcastico- Mi riferisco ad alcuni commenti fatti dopo la festa dei tifosi del Napoli, commenti che hanno portato alla luce una propensione sotterranea allo sciacallaggio, perfino al razzismo nei confronti di Napoli, la Campania e del Sud che sembra difficile da estirpare”.Vincenzo De Luca attacca Salvini: “Sciacallo, cafone e tre volte somaro” (VIDEO) De Luca è un fiume in piena: “Tutti quelli che hanno buon senso sanno che sarebbe successo dovunque, ma siccome è capitato a Napoli, il cafone ha ritenuto di fare dei commenti. Io credo che quel cafone politico abbia dimostrato di essere davvero tre volte somaro, non una volta sola. Primo perché se uno organizza il 2 giugno una manifestazione a Roma in violazione di tutte le norme di distanziamento, insieme alla vispa Teresa (il riferimento è alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, ndr), e poi si permette di dire che il governatore De Luca non è intervenuto riguardo alla festa dei tifosi del Napoli ha la faccia come il suo fondoschiena, peraltro usurato.

Secondo motivo di ‘ciucciarla’, direbbe Eduardo De Filippo, è giusto il caso di ricordare a questo somaro geneticamente puro che l’obbligo di garantire le norme nazionali sul distanziamento ricade sul Viminale e sul prefetto, ma questo l’uomo di Neanderthal lo ignora”.

Coronavirus, il punto della situazione

🔴#CORONAVIRUS: facciamo il punto della situazione e un aggiornamento sulle prossime importanti decisioni.

Pubblicato da Regione Campania su Venerdì 19 giugno 2020

Per De Luca, “i tifosi del Napoli hanno fatto una manifestazione di gioia per la vittoria della Coppa Italia, un episodio che sarebbe successo nella stessa maniera in tutta Italia e in tutto il mondo. Voglio ricordare che in altre città del Paese, penso a Torino, in occasione di una partita della Juventus in Champions, ci sono stati morti e feriti in piazza. A Milano, se avesse vinto l’Inter, avremmo avuto l’ira di Dio. Senza nessuna vittoria abbiamo registrato, lo hanno denunciato le autorità milanesi, assembramenti ai Navigli e fenomeni di movida scapigliata. Nel Veneto, a Vicenza, mi sono arrivate immagini della movida per la quale nessuno ha chiesto al governatore del Veneto cosa pensasse e cosa facesse. Siamo di fronte davvero ad atti di volgare sciacallaggio.

Se noi Campania, regione che ha dato una prova straordinaria di rigore e capacità organizzativa, avessimo adottato lo stesso criterio di strumentalità, avremmo dovuto dire parole di fuoco nei confronti di altre realtà del Nord, di altri sistemi sanitari nei quali si sono registrati morti a migliaia. Ma noi, diversamente dal Neanderthal, siamo persone civili e ribadiamo la nostra solidarietà ai nostri concittadini di altre parti d’Italia che hanno sofferto, che hanno affrontato tragedie inimmaginabili, guardando con spirito di coesione nazionale alle vicende dell’epidemia, ricordando però a qualcuno che ha la memoria corta e la faccia come il fondoschiena, peraltro usurato, che la Campania è stata la regione più rigorosa nel chiudere tutto quando c’erano le prime avvisaglie.

Abbiamo avuto il coraggio di chiudere tutto 15 giorni prima rispetto alle decisioni prese dal governo nazionale o da altre regioni. Mentre noi chiudevamo tutto -conclude De Luca- in altre parti d’Italia si continuava a ballare e a bere”.Vincenzo De Luca attacca Salvini: “Sciacallo, cafone e tre volte somaro” (VIDEO) Critiche durissime anche ai ministri di Istruzione e Giustizia, Azzolina e Bonafede: “Abbiamo fatto una bellissima iniziativa di cui non si sono accorti diversi farisei d’Italia, abbiamo fatto i tamponi a tutti i docenti membri delle commissioni d’esame. Una bella iniziativa su base volontaria. Ci stiamo preparando a farlo a tutti per quando aprirà la scuola, il settore più massacrato e più subordinato alla logica della politica. Non so quando aprirà e partirà l’anno scolastico.

Abbiamo rilevato due eccellenze assolute, alla Pubblica Istruzione e alla Giustizia. Era difficile fare meglio, erano a casa loro in poltrona alcuni capi della camorra. Si stavano rilassando, il ministro della Giustizia era impegnato ad indossarsi la poschette del taschino e nel frattempo i grandi capi della camorra stavano a casa. E qualcuno prendeva anche il reddito di cittadinanza”.

Come già anticipato la scorsa settimana, De Luca ha ribadito che da lunedì 22 giugno l’uso della mascherina all’aperto sarà facoltativo. Tuttavia, “rimarrà obbligatorio portarle con sé, indossarle nei locali chiusi, ma anche all’aperto con luoghi con rischi di affollamenti pericolosi, penso alla passeggiata sul lungomare. In quel caso dato che ci sono migliaia di persone è indispensabile l’uso della mascherina, quando si esce e non ci sono questi problemi si può non indossare. Non scherziamo e non immaginiamo di aver risolto tutti i problemi”.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie