giovedì, Maggio 6, 2021

Mostra del Cinema di Venezia, Serena Rossi sarà la madrina: “Ritrovare quei sorrisi dimenticati”

- Advertisement -

Notizie più lette

Mostra del Cinema di Venezia, Serena Rossi sarà la madrina: “Ritrovare quei sorrisi dimenticati”
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

78ma mostra del Cinema di Venezia: l’attrice napoletana Serena Rossi sarà madrina della manifestazione (nonché conduttrice delle cerimonie di apertura e chiusura).

- Advertisement -

È un momento davvero magico per l’attrice napoletana Serena Rossi, che dopo il grande successo della serie Mina Settembre (andata in onda su Rai 1 e ispirata ai romanzi di Maurizio De Giovanni) e del programma Canzone segreta (da lei condotto sempre su Rai 1) ottiene un altro prestigioso attestato di stima alla sua bravura di artista: sarà la madrina della 78ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

L’attrice 35enne aprirà la Mostra nella serata di mercoledì 1 settembre 2021, sul palco della Sala Grande (Palazzo del Cinema al Lido) in occasione della cerimonia di inaugurazione, e guiderà la cerimonia di chiusura sabato 11 settembre, in occasione della quale saranno annunciati i Leoni e gli altri premi ufficiali della storica manifestazione.Mostra del Cinema di Venezia, Serena Rossi sarà la madrina: “Ritrovare quei sorrisi dimenticati” Serena Rossi ha affidato ai social tutta l’emozione di questo momento, ricordando il periodo complicatissimo per il cinema e tutto il mondo dello spettacolo: “Per un’attrice essere chiamata a rivestire il ruolo di Madrina della Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica di Venezia è un grande onore – ha scritto su Facebook –So quanto sia stato difficile sorridere in questo ultimo anno e mezzo. Ma in questo momento così delicato, tenere vivo e forte il desiderio di tornare a fare quello che sappiamo fare, e di tornare a sorridere, è tutto.

Sicuramente la chiusura dei cinema, dei teatri, l’impossibilità di godere di qualunque spettacolo dal vivo non ci ha aiutato a sorridere. E forse mai come in questa occasione ne abbiamo sentito la mancanza e abbiamo capito la necessità vitale delle Arti che, ora più che mai, dobbiamo difendere, proteggere ed esaltare.

A #Venezia78 vorrei ritrovare quei sorrisi dimenticati, vorrei che illuminassero le sale cinematografiche e tutti i luoghi del Festival. Vorrei che si riaccendessero sui volti di chi non ha potuto lavorare, ma che adesso può tornare a sperare, progettare, suonare, recitare, costruire scenografie, scrivere. Ringrazio per la fiducia la Biennale di Venezia, il direttore Alberto Barbera e il Presidente Roberto Cicutto. Sarà un Festival importante e io ce la metterò tutta. Per tutti”.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie