24-11-20 | 18:33

Unione degli Universitari, vittoria storica: riaperte le graduatorie 2015/2016

Home Attualità Unione degli Universitari, vittoria storica: riaperte le graduatorie 2015/2016
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
55f753ac4fd0bf9dc9150b50d12da632?s=120&d=mm&r=g
Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Unione degli Universitari: saranno riaperte le graduatorie delle facoltà a numero chiuso per l’anno accademico 2015/2016 (ora si chiede l’abrogazione della legge 264/99).

È di queste ore la diffusione da parte del MIUR di una nota Ministeriale recante disposizioni sulla riapertura delle graduatorie delle facoltà a numero chiuso per l’anno accademico 2015/2016 a partire dal prossimo 8 gennaio 2018. Si tratta di una decisione di fondamentale importanza, maturata dopo quasi due anni di attesa a seguito del ricorso vinto dall’Unione degli Universitari e dallo studio legale Bonetti, che avrà conseguenze positive per centinaia e centinaia di studenti. Elisa Marchetti, coordinatrice nazionale Unione degli Universitari, dichiara: “È un grandissimo risultato, frutto del lavoro incessante della nostra organizzazione. Dopo la vittoria, risalente a luglio 2016, del ricorso patrocinato dall’avvocato Michele Bonetti e promosso dall’UDU, in relazione alla chiusura anticipata delle graduatorie intervenuta con DM 50/2016, abbiamo continuato a lavorare giorno dopo giorno perché venisse finalmente data attuazione a quanto disposto dalla giustizia amministrativa. Per un anno e mezzo abbiamo lavorato per far sì che fosse riconosciuto a migliaia di studenti il diritto allo studio e la possibilità di iscriversi alla facoltà scelta per il proprio futuro. Dopo anni di battaglia e di tanto lavoro silenzioso, oggi finalmente il Ministero riconosce la nostra vittoria, la vittoria di migliaia di studenti. Dai prossimi giorni saremo a disposizione per aiutare tutti gli studenti interessati nelle relative pratiche per potersi iscrivere”.tasse universitarie in italia le terze più alte d'europa Continua Marchetti: “Si tratta di un provvedimento ministeriale che, arrivando dopo un anno e mezzo dalla prima sentenza, certifica con ingiustificato e colpevole ritardo, e che avrà ripercussioni anche sulle graduatorie degli anni accademici successivi. Infatti moltissimi studenti hanno congelato la loro posizione in attesa che la vicenda relativa alla chiusura anticipata delle graduatorie arrivasse a conclusione. Ora è facile immaginare come ci saranno degli scorrimenti consistenti su tutte le graduatorie degli anni successivi al 2015. È compito del Ministero, ora, evitare che si perda altro tempo e quindi facilitare le procedure di iscrizione per tutti gli studenti interessati, intervenendo con direttive chiare verso gli atenei”. Conclude la coordinatrice dell’UDU: “Anno dopo anno stiamo dimostrando come l’attuale modello di accesso non solo sia inefficace, ma tante volte dannoso tanto per gli studenti quanto per l’amministrazione stessa. Siamo stufi di finti proclami! Vogliamo che la politica si assuma nel corso della prossima legislatura la responsabilità di abrogare la legge 264/1999, andando finalmente verso un sistema di accesso che superi la programmazione e che rispetti la costituzione, che agli articoli 3 e 34 indica l’Università come libera e accessibile”.

- Advertisement -

Ultime Notizie

Meteo Campania, nel fine settimana torna il maltempo

Meteo Campania: il weekend del 28 e 29 novembre sarà caratterizzato dal ritorno delle piogge anche al Sud. Tra fine novembre e gli inizi del...

Coronavirus in Campania, i dati del 23 novembre: 1.764 nuovi positivi e 2.344 guariti

Coronavirus in Campania: il bollettino di ieri 23 novembre dell'unità di Crisi regionale riporta 1.764 positivi su 13.744 tamponi effettuati. I guariti superano i...

Covid, bando medici per la Campania flop: rinunciano 2 su 3

Negativo il bilancio del bando medici per la Campania della Protezione civile: su 156 domande ci sono state 97 rinunce. Non è positivo il bilancio...

Gomorra 5: Salvatore Esposito e Marco D’Amore salutano i fan dal set (VIDEO)

Gomorra 5: Salvatore Esposito e Marco D’Amore (alias Genny Savastano e Ciro l’Immortale) salutano i fan della serie con un video sui social. I fan...

Scuole dell’infanzia e prime elementari in Campania: in molti Comuni resteranno chiuse

L’ultima ordinanza di De Luca ha disposto la riapertura dal 25 novembre di asili e prime elementari. Se a Napoli si va verso la...