Rapine in banca tra Napoli e Caserta: bloccata banda formata da sei uomini e una donna

114
Rapine in banca tra Napoli e Caserta: bloccata banda

Gli autori delle rapine in banca erano sei uomini e una donna: le indagini sono partite dopo un colpo messo a segno nel gennaio del 2018.

Rapine in banca | Una banda, ritenuta responsabile di una serie di rapine commesse ai danni della Banca Popolare di Bari a Napoli e provincia, è stata identificata e arrestata. Sei le persone finite in carcere e un divieto di dimora, provvedimenti restrittivi eseguiti dagli agenti della Squadra mobile partenopea e del Commissariato Giugliano-Villaricca. Le ordinanze cautelari, nei confronti di sei uomini tra i 19 e i 26 anni e di una donna 25enne, sono state emesse dal gip del tribunale di Napoli Nord.

I reati contestati

I reati contestati sono: associazione per delinquere finalizzata alla commissione di una serie di reati contro il patrimonio, rapina aggravata, lesioni personali aggravate e falso. Le indagini, coordinate dalla procura di Napoli Nord, sono state avviate dopo una rapina perpetrata il 26 gennaio 2018, presso una filiale dell’istituto di credito Banco Popolare di Bari a Giugliano in Campania, nel corso della quale il gruppo criminale, dopo aver minacciato il cassiere con un taglierino, aveva rubato circa 119mila euro in contanti. Nel corso delle investigazioni, svolte con l’aiuto delle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza dell’istituto bancario nonché delle intercettazioni telefoniche, è stato possibile risalire all’esistenza di una stabile organizzazione dedita alla commissione di rapine alle banche.

Ricostruiti i ruoli e i compiti di ciascuno degli indagati che sono ritenuti coinvolti in almeno cinque rapine e due tentate rapine: il 7 novembre 2017 a Frattamaggiore; il 6 febbraio 2018 a Succivo (Caserta); il 3 maggio 2018 a Frattamaggiore; il 14 maggio 2018 a Napoli; il 24 maggio 2018 a Casalnuovo di Napoli; il 23 luglio 2018 a Casoria e il 4 settembre 2018 a Napoli.