domenica, Marzo 7, 2021

Terapia del dolore, il paziente arriva in media con 4 anni di ritardo

- Advertisement -

Notizie più lette

Terapia del dolore, il paziente arriva in media con 4 anni di ritardo
Patrizia Zinnohttps://www.2anews.it
Patrizia Zinno è biologa nutrizionista napoletana e ha lavorato per circa 20 anni presso centri di Diabetologia, di Dialisi, Ematologia e Chimica Clinica. Ora insegna Scienza e Cultura dell’Alimentazione nella Scuola Alberghiera di Scampia.

I pazienti che hanno necessità di una terapia del dolore, come quelli oncologici, con neuropatie o forti artrosi, arrivano a centri specialistici dopo anni di trattamento non efficaci.

- Advertisement -

La denuncia arriva dalla Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg), ascoltata oggi in Commissione Affari Sociali della Camera nell’ambito dell’indagine conoscitiva sull’attuazione della legge in materia di accesso alle cure palliative e terapia del dolore. A 8 anni dall’approvazione della legge 38 del 2010, tale normativa è stata formalmente recepita da tutte le regioni.

Terapia del dolore, il paziente arriva in media con 4 anni di ritardo

Ha precisato Pierluigi Bartoletti, vicesegretario Fimmgè ora di passare dalle parole ai fatti. La possibilità, da parte dei cittadini, di fruire delle prestazioni previste rispecchia il livello organizzativo delle singole Regioni, ovvero maggiore al Centro Nord, minore al Centro Sud-. Una delle maggiori criticità è il mancato “collegamento tra il sistema sanitario ospedaliero e quello territoriale”. Ma a pesare è anche “la carenza di medici specializzati e di formazione universitaria”.

Terapia del dolore, il paziente arriva in media con 4 anni di ritardoNel settore delle cure palliative non mancano solo medici ma anche psicologi. Nonostante la definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), sottolinei come le cure palliative riguardino “terapie atte a e lenire dolore fisico ma anche emotivo, psicologico e spirituale.

In  Italia solo il 30% degli psicologi che lavorano in questo settore è strutturato, gli altri sono borsisti, precari con contratti a progetto, ha sottolineato Valentina De Tommasi, psicoterapeuta del Centro Regionale Veneto delle Cure palliative pediatriche.

Questo numero esiguo – ha spiegato la rappresentante del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi – fa capire la poca importanza data a questa figura che, invece, ha l’importante compito di aiutare il paziente ad elaborare la difficoltà di dover convivere con una malattia non guaribile”.

Terapia del dolore, il paziente arriva in media con 4 anni di ritardoIn molti ospedali non è ancora presente la cultura delle cure palliative per le malattie del dolore e niente si considera ancora per far conoscere bene alle famiglie questo servizio. Spesso i medici sottovalutano l’importanza di questi rimedi che possono essere importanti e quindi preziosi, peraltro servizi garantiti dalla Sanità pubblica. Invece predomina tuttora un protocollo fatto di terapie invasive applicate fino all’ultimo giorno.

C’è ancora tanto da fare sulle cure palliative

Un motto che rovescia la visione della malattia come unico oggetto della medicina, per rimettere invece al centro dell’attenzione la persona e il suo bisogno, supporto che potrebbe essere offerto da professionisti del settore, quali psicologi e dallo psicoterapeuta, che mancano sul campo.

Le cure palliative nascono in Inghilterra negli anni ‘60 grazie all’intuito di Cicely Saunders, un’infermiera diventata poi anche medico che coltivò la cultura degli hospice (strutture residenziali sanitarie).

In Italia queste arrivano negli anni ’80 con l’assistenza domiciliare ai malati attraverso associazioni di volontariato, e poi ufficializzate nel ’99 con la nascita degli hospice.

Le cure migliorano la qualità della vita dei malati e delle famiglie, in quanto riescono attraverso la prevenzione a trattare il dolore della persona ammalata con comunicazione e tanta assistenza, con colloqui di sostegno, di accoglienza e psicoterapie delle problematiche nella malattia in fase avanzata.

Terapia del dolore, il paziente arriva in media con 4 anni di ritardo

Il dolore cronico non dipende solamente dalla malattia, ma anche dal modo poco sereno di viverlo ed affrontarlo.

Ci sono alcuni aspetti che pesano negativamente sul dolore cronico, come ad esempio l’intensa attività sportiva, il sovraccarico di impegni, gli eventi stressanti, le posture scorrette ed il lavoro pesante che può rendere difficile lo svolgimento degli impegni giornalieri ed influire sull’umore della persona.

L’intervento dell’operatore psicologico ha come finalità quella di esaminare questi aspetti, al fine di migliorare le strategie personali di gestione del dolore e dello stress ad esso associato.

Lo psicologo è una figura di rilievo

Lo psicologo dovrebbe affiancare e collaborare con il medico  per qualsiasi patologia evolutiva, come ad es. le malattie neurodegenerative, le demenze e la SLA per mettere in gioco strumenti come la neuropsicologia, per capire meglio il livello di funzionamento cognitivo della persona e come potenziare le risorse ancora presenti. Avere operatori professionali e competenti garantisce solo ottimi livelli qualitativi assistenziali, e una miglior tutela del malato.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie