sabato, Marzo 2, 2024

Tari 2023, la scadenza per il pagamento della prima rata

- Advertisement -

Notizie più lette

Francesco Monaco
Francesco Monacohttps://www.2anews.it
Francesco Monaco, giornalista. Esperienza dalla carta stampata a internet, radio e tv. Scrittore, il suo primo romanzo: 'Baciami prima di andare'.

Il versamento del saldo della Tari, tassa per i servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani, può essere effettuato anche in un’unica soluzione.

Il vigente regolamento Tari, approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 37 del 19 giugno 2023, prevede la riscossione del tributo in 4 rate, le prime 3 in acconto, nella misura del 75% dell’importo dovuto sulla base delle tariffe applicate per l’anno precedente (Deliberazione di C.C. n. 15 del 29 marzo 2019).

Il saldo sarà calcolato sulla base delle tariffe per l’anno 2023, approvate dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 36 del 30 maggio 2023 e per il quale verrà inviato un nuovo avviso.

Scadenze TARI 2023

Scadenze acconto:

– 1a rata 16 giugno 2023 (scadenza fissata con Delibera di Giunta n. 137 del 28/04/2023)
– 2a rata 17 luglio 2023
– 3a rata 18 settembre 2023

Il versamento dell’acconto può essere effettuato in un’unica soluzione entro il termine del 16 giugno 2023.

Scadenza saldo:

Con Delibera di Giunta Comunale n. 507 del 19 dicembre 2023 è stato previsto il versamento del saldo Tari in due rate:

– 1a rata 29 febbraio 2024
– 2a rata 29 marzo 2024

Il versamento del saldo può essere effettuato in un’unica soluzione entro il termine del 29 marzo 2024.

La TARI è la tassa rifiuti per i servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani.
Istituita con Legge 27/12/2013 n. 147, la tassa rifiuti è dovuta da chiunque detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte adibiti a qualsiasi uso, suscettibili di produrre rifiuti urbani e assimilati, con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree.

Il versamento della Tari è in autoliquidazione. Il contribuente è tenuto al versamento di quanto dovuto, alle scadenze previste, anche se non riceve l’avviso di pagamento. Per il calcolo della tassa dovuta e per la stampa dell’F24 è possibile utilizzare il simulatore di calcolo messo a disposizione dall’Ente collegandosi al seguente link: https://www.riscotel.it/calcolotari/napoli

L’ufficio invia gli avvisi di pagamento, prima della scadenza, tramite posta ordinaria. Se l’avviso non rispecchia la reale situazione del contribuente, lo stesso deve calcolare autonomamente la tassa da versare e comunicare all’ufficio TARI le eventuali variazioni da apportare alla propria posizione, inviando la relativa istanza via mail ai seguenti indirizzi di posta elettronica:
entrate.tari-tares-tarsu@pec.comune.napoli.it
entrate.tari-tares-tarsu@comune.napoli.it

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie