‘Marea azzurra’ in piazza a Napoli contro le istituzioni, de Magistris: “pensavo fossero tifosi”

384
'Marea azzurra' in piazza a Napoli contro le istituzioni

Con la manifestazione denominata ‘La marea azzurra per Napoli’, sono scesi in piazza cittadini dei vari quartieri della città per far sentire la loro voce su argomenti quali vivibilità e sicurezza.

Chiedono maggiore vivibilita’, servizi, sicurezza, tutela dei diritti degli abitanti. Queste le ragioni che hanno portato in piazza numerosi comitati civici di Napoli sotto la denominazione di ‘La marea azzurra per Napoli’. A piazza Dante si sono dati appuntamento cittadini del centro storico, del ‘salotto’ come Chiaia, dell’area commerciale di via Toledo, ma anche da periferie come Pianura. Tutti insieme per chiedere al Comune e alla Regione di pensare al bene dei napoletani. “Il cittadino non fa differenza nell’erogazione dei servizi tra Comune, Regione o Stato – ha spiegato Gennaro Esposito del Comitato per la Quiete e vivibilita’ cittadina – Chiediamo agli uomini tutti che siedono nelle istituzioni maggiore impegno, un cambio di passo per migliorare la vivibilita’. Le istituzioni devono iniziare a capire che si devono occupare seriamente dei cittadini”. Diversi gli striscioni e i cartelli esposti tra cui ‘Napoli alza la testa e alza la voce’, ‘Beni comuni – incassi privati, grazie sindaco”, ‘Napoli: come la politica distrugge la citta”. Tra i comitati presenti in piazza, il Comitato civico Bellini Centro storico, il Comitato civico Toledo Galleria, il Comitato Vasto. Una manifestazione che – sottolineano gli organizzatori – non ha colore politico. “Siamo assolutamente trasversali e vogliamo portare avanti un discorso di cittadinanza affinche’ i cittadini inizino a rivendicare con forza i diritti. Noi – evidenzia Esposito – diciamo no alla rassegnazione”.

I cittadini lamentano la mancata risposta da parte dell’amministrazione rispetto alle segnalazioni di disservizi quali dissesti stradali, verde incolto a fronte delle tasse pagate. “I centralini comunali – dicono – nemmeno rispondono alle chiamate”. In piazza anche gruppi di ragazzi con il cartello ‘Siamo i giovani che intendono restare nella nostra citta”. Dita puntate anche contro il turismo non incanalato e regolarizzato. “Nel centro storico – denunciano alcuni cittadini – non ci sono piuttosto regole. Siamo felici dei grandi flussi turistici che portano economia e lavoro ma serve una regolamentazione che tuteli i diritti di chi vive qui e paga le tasse”.

Fino a piazza del Plebiscito davanti alla sede della Prefettura

Il corteo per sollecitare “la vivibilita’ a Napoli” e’ arrivato in piazza Municipio davanti al Comune. Qui i manifestanti si sono fermati e hanno sistemato a terra gli striscioni. Alcuni hanno gridato ‘Buffone’ riferendosi al sindaco Luigi de Magistris e “Sindaco assente”. Poi hanno intonato il coro ‘Via, via’. Prima di sciogliersi in piazza Plebiscito davanti alla Prefettura, ha fatto una sosta davanti al Maschio Angioino dove si e’ svolta l’inaugurazione dell’Anno giudiziario. Qui e’ stato intonato il coro ‘Sindaco assente, questore assente e Prefetto assente’.

Il commento del sindaco de Magistris

”C’e’ qualche avversario politico che da anni cerca di portare migliaia di persone in piazza senza riuscirci. Aspettassero le elezioni del 2021 in cui io non ci saro’ e forse allora se la potranno giocare, ma se questo e’ il preludio di una campagna elettorale per sconfiggerci allora sono molto incoraggiato”. Cosi’ il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ai cronisti che chiedevano un commento rispetto alla manifestazione contro l’amministrazione che si e’ svolta oggi. Con tono ironico de Magistris, a margine di un’iniziativa all’Augusteo, ha detto: ”Pensavo fosse una manifestazione di tifosi napoletani che con il fazzoletto azzurro chiedevano di non vendere Allan. Ho visto sotto San Giacomo una cinquantina di persone che accogliamo piacevolmente”. Poi analizzando i temi che hanno portato la gente in strada, il sindaco ha affermato: ”Noi come loro pensiamo che la citta’ deve essere piu’ sicura, piu’ vivibile, anzi chiediamo l’aiuto di queste persone, anche quelli ammalati di rancore, per lottare con noi per la citta”’.