venerdì, Ottobre 22, 2021

Napoli, riaprono officine Eav a Ponticelli: escluso rischio amianto

- Advertisement -

Notizie più lette

Luigi Maria Mormonehttps://www.2anews.it
Luigi Maria Mormone, cura la pagina di cronaca su Napoli e provincia, attualità e sport (pallanuoto, basket, volley, calcio femminile ecc.), laureato in Filologia Moderna, giornalista.

Ponticelli: da lunedì 29 ottobre gli operai dell’officina Eav torneranno al lavoro a tempo pieno.

Da lunedì 29 ottobre i circa 100 dipendenti Eav dell’officina di Ponticelli, dove si tiene la manutenzione dei treni, torneranno al lavoro a tempo pieno. Come riporta “Il Mattino”, la società di trasporti ha disposto che può cessare il part-time e si può tornare ad una maggiore operatività.

Possono anche tornare le ore di straordinario, indispensabili in una azienda col personale ridotto, per produrre di più, aggiustare un numero più alto di treni e quindi garantire più corse (specialmente per la Circumvesuviana, spesso “vittima” di soppressioni).

Si chiude dunque una vertenza che aveva visto fronteggiarsi Eav, Cgil, Cisl e Uil. Nell’officina di Ponticelli, infatti, a causa dei lavori per la rimozione dell’amianto, da tempo si lavorava due ore in meno: un modo per tutelare gli operai dal rischio esposizione. La paga, però, resta la stessa, in virtù di un accordo stipulato proprio tra azienda e sindacati.Napoli, riaprono officine Eav a Ponticelli: escluso rischio amianto Quando il presidente Eav Umberto De Gregorio ha provato a reintrodurre il normale orario di lavoro, dopo che l’Asl aveva escluso il rischio amianto, i sindacati si sono però opposti, paventando ancora pericoli per i dipendenti. Ora gli stessi sindacati hanno spiegato di essere pronti a “riprendere il confronto per ricercare tutte le soluzioni che tutelino la salute dei lavoratori e possano garantire, nel contempo, le attività lavorative necessarie”.

Un’altra certificazione, prodotta due giorni fa, ha di nuovo escluso un possibile rischio da esposizione all’amianto: il documento è stato emesso da una società che ha rilevato il pericolo amianto per conto della ditta che sta eseguendo i lavori di rimozione. Secondo i tecnici, sugli operai addetti alla rimozione sono stati rilevati valori di fibre nella norma. Nemmeno loro, che rispetto ai dipendenti Eav sono a contatto ancora più stretto con l’amianto per rimuovere le tegole, corrono pericoli.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie