domenica, Febbraio 25, 2024

Arriva a Napoli il Museo delle Illusioni, dove ingannare i sensi è un divertimento

- Advertisement -

Notizie più lette

Gabriella Monaco
Gabriella Monacohttp://www.2anews.it
Redattrice laureata in 'Lettere Moderne'. Appassionata di Scrittura, Arte, Viaggi e Serie tv."

Arriva il Museo delle Illusioni di Napoli, un’esperienza sensoriale educativa e coinvolgente, nel cuore storico della città.

Rudimenti di fisica, applicazioni scientifiche e impianti scenici per ingannare la mente e divertirsi con la distorsione della realtà. È il Museo delle Illusioni di Napoli, nel cuore storico della città. La suggestiva location della Chiesa delle Crocelle ai Mannesi, all’angolo di via Duomo, ospita questa nuova attrazione: circa 70 installazioni che dimostrano come la percezione della realtà spesso sia fittizia ed ingannevole.

Il Museo delle Illusioni di Napoli, infatti, è un’esperienza sensoriale educativa e coinvolgente: lo spettatore si diverte imparando che la visione ed, in generale, la percezione sensoriale possono distaccarsi da ciò che il cervello umano comprende.

Patrocinata dal Comune di Napoli, l’esposizione del Museo delle Illusioni è organizzata dal gruppo internazionale Exhibition of Illusions, composto dallo spagnolo Vicente Gonzalez, esperto di esposizioni internazionali, e dai fiorentini Lorenzo Cantini, da decenni promotore di mostre di successo in Italia e all’estero, nonché dallo scenografo Livio Targa, che ne ha curato l’allestimento.

La mostra è costruita intorno al concetto che le illusioni ottiche offrono un’interessante finestra sul cervello umano e che, di conseguenza, forniscono informazioni sui processi alla base delle decisioni suggerite dalla mente. È naturale, quindi, porsi domande. Cosa accade se i sensi suggeriscono al cervello una percezione discordante della realtà? Come reagisce l’essere umano a questo stimolo? Esiste una realtà oggettiva? La personale percezione della realtà è meno tangibile? Le installazioni del Museo delle Illusioni di Napoli intendono fornire risposte a queste domande.

L’esposizione rende visitabile anche la Chiesa delle Crocelle ai Mannesi, dedicata a San Francesco d’Assisi, risalente al 1882. Opera dell’architetto Filippo Botta, l’edificio deve il nome ai Padri Crociferi, un ordine monastico che portava il simbolo della Croce sul petto e sul mantello. La location rende particolarmente suggestiva la visita alla mostra grazie alla particolare fusione di stili: neogotico con il neoclassico.

Il Museo delle Illusioni di Napoli è stato, inoltre, ideato come una esposizione mutevole, che coniuga la storicità della location con la modernità della fruizione. Ogni 5 mesi le installazioni in mostra faranno posto ad altre nuove, secondo il concept del museo in divenire ed in continua evoluzione. Dal 7 settembre, data dell’inaugurazione ufficiale dell’esposizione, è possibile aumentare la godibilità dell’esperienza grazie alla realtà virtuale.

www.museoillusioninapoli.com

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie