mercoledì, Ottobre 5, 2022

Mobilità sostenibile a Napoli, flash mob delle associazioni a Palazzo San Giacomo

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Le associazioni di bikers e quelle ambientaliste di Napoli hanno promosso un flash mob davanti a Palazzo San Giacomo per chiedere maggiore attenzione sulla mobilità sostenibile molto carente nella città partenopea.

Piste ciclabili, sicurezza stradale, trasporto pubblico efficiente e politiche per una città senza auto.

E’ questo ciò che chiedono le associazioni di bikers e quelle ambientaliste della città di Napoli che stamattina hanno promosso un flash mod davanti a palazzo San Giacomo, sede dell’amministrazione comunale. Le richieste dei cittadini sono rivolte al sindaco di Napoli Gaetano Manfredi che, secondo le associazioni, in “quasi un anno dall’insediamento non si è occupato minimamente della questione, anzi spesso ha espresso opinioni contrastanti su piste ciclabili, ztl e spazi di mobilità alternativa”.

In piazza, oltre a celebrare la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, c’è stato un momento anche di ricordo delle recenti vittime della strada. “Quattro persone, di cui due bambini, hanno perso la vita. A Cavalleggeri, Christian, 3 anni, ucciso mentre era sul marciapiede con la madre; a Pianura, in via Montagna Spaccata, Mustafha è morto investito mentre era in bici; pochi giorni fa, Elvira, investita e uccisa sul Lungomare da una moto; ancora, lo stesso giorno, un bimbo di 3 anni morto mentre era in scooter con il padre – commenta Luca Simeone presidente dell’Associazione Napoli Pedala -. A questo elenco tremendo vanno aggiungi i feriti con lesioni gravi e permanenti. Direi che è arrivato il momento di dire basta e che l’amministrazione comunale prenda posizione e faccia delle scelte”.

Le associazioni chiedono un tavolo di confronto con il Comune di Napoli. “Mentre i cittadini vanno avanti cercando da soli di cambiare le cose acquistando biciclette elettriche e usando monopattini e il bike sharing, l’amministrazione sta tornando indietro – continua Simeone -. Gli interventi sulla ciclabilità sono stati minimi o inesistenti, nessuna manutenzione ordinaria e straordinaria dell’esistente; il biciplan scomparso dall’agenda politica; nuove progettazioni aberranti, che vengono partorite senza alcun confronto e diventano solo uno spreco di risorse pubbliche, a cui si aggiungono nuovi progetti di parcheggi, già bocciati negli anni precedenti, utili ad attrarre solo nuovo traffico e non a risolvere i problemi“.

Intanto, secondo uno studio di Clean Cities (promosso da Ong e Think Tank ambientalisti), Napoli è all’ultimo posto su 36 grandi città europee nella classifica su mobilità urbana e qualità dell’aria, e i cittadini chiedono interventi urgenti in alcuni punti nevralgici della città dove si respira aria avvelenata ad esempio in via Costantinopoli dove la centralina che raccoglie dati su sforamenti di polveri sottili, rivela dati tra i peggiori d’Europa.

Adesioni alla manifestazione: Napoli Pedala, Percorsi Cumani, Greenpeace gruppo locale Napoli, Legambiente Campania, N’Sea Yet, TBA Team Bike Acerra, Rosso Ambientalista, Napoli Bike Festival, Bicycle House, Extinction Rebellion,  PIB – Partenope in Bici, Ultima Generazione, Gente Green, Bike to School Napoli, Consiglieri X Municipalità – Gianluca Cavotti, Domenico Quattromani, FFFNapoli

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie