02-12-20 | 01:01

Manlio Santanelli: per il teatro vi sarà una rinnovata carica d’entusiasmo

Home Critica&Teatro Manlio Santanelli: per il teatro vi sarà una rinnovata carica d'entusiasmo
- Advertisement -

Notizie più lette

Ampio successo per il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile

Torna al successo il Napoli Carpisa Yamamay Calcio Femminile. Battuto 4-0 il Nebrodi, riparte la corsa al quarto posto. Torna al successo il Napoli Carpisa...

Torino, la moglie lo allontana: lui va in auto e si dà fuoco

Ultime notizie di cronaca italiana. Dopo aver litigato con la moglie si è rinchiuso nella sua auto e ha appiccato le fiamme alla vettura. La...

Coronavirus a Caserta, buone notizie: sono in netto aumento i guariti

Coronavirus a Caserta: in aumento il numero di guariti dal Covid 19 (una ventina negli ultimi giorni). Buone notizie sull’emergenza Coronavirus nel Casertano, dove sono...

Ultime Notizie: Bacoli, è polemica sui rifiuti trasferiti in area di sosta

Ultime Notizie Fa discutere a Bacoli la procedura di trasferimento dei rifiuti eseguita in città, in un'area di sosta pubblica. L’attivista Nestore Antonio Sabatano, presidente...
61bdb9b38b8c55a173cb8e998b472383?s=120&d=mm&r=g
Giuseppe Giorgio
Caporedattore, giornalista professionista, cura la pagina degli spettacoli e di enogastronomia

Intervista al grande drammaturgo Manlio Santanelli: “Si ritornerà agli appuntamenti di sempre del teatro e vi sarà certamente una rinnovata carica d’entusiasmo».

In grande armonia con la lingua italiana e quella napoletana, Manlio Santanelli, oltre che componente di quel meraviglioso manipolo di autori fondatori della “Nuova Drammaturgia Napoletana”, va sicuramente definito come uno dei maggiori autori contemporanei di respiro europeo.

Grazie ai suoi testi, dove la poesia e la sottile comicità coesistono con una drammaturgia di stampo partenopeo e un teatro moderno dal penetrante carattere internazionale, l’autore di opere teatrali come “Uscita d’Emergenza”e “Regina Madre”, sembra percorrere, a tratti, gli stessi sentieri che furono di Genet, Proust e Pinter.

Con le sue commedie in bilico tra la follia umana e la visione paradossale della realtà, Santanelli, mostra evidente la voglia di scongiurare quella paura esistenziale insita in ogni essere umano.

Con i personaggi dei suoi lavori, che nel tentativo di eliminare dalla loro coscienza un atavico senso di malessere provano a sfuggire da una non identificata realtà, Santanelli porta in scena dei conflitti pronti a tramutarsi in sfide per agguantare la verità.

Arguto e più che vicino a quel contesto definito da Martin Esslin “Teatro dell’Assurdo”, con i suoi dialoghi dalla travolgente musicalità, si conferma come uno straordinario fomentatore di menti e coscienze ai danni di una società esitante ed incerta.

Ufficialmente grande drammaturgo ma con un passato di assistente di regia alla Rai e una più che confessata passione per la poesia, i romanzi, la chitarra classica e la canzone napoletana cantata e studiata, anche in questo periodo buio della pandemia, Manlio Santanelli conferma il personale estro con il suo acuto modo di osservare la situazione e di intravedere le ripercussioni future.

Come descriverebbe questo momento così caratterizzato dalla pandemia?

«Un momento in cui il tempo sembra sospeso. Tutto gira come in assenza di gravità privato del proprio peso».

Personalmente come vive questa situazione di fermo e di isolamento?

«La vivo nella consapevolezza di una totale assenza di prospettive. L’autore di teatro vive con le messe in scena, con le repliche dei suoi lavori, con le prove da condividere con gli attori. Per un autore è tutto più amaro. Lavorare a casa da solitario è come attraversare un mare senza approdo».

Cosa pensa circa la paventata difficoltà, dopo la pandemia, di riportare la gente in teatro?

«Non credo vi saranno difficoltà perchè quando tutto sarà finito, crescerà il bisogno delle antiche consuetudini. Si ritornerà agli appuntamenti di sempre per ricostruire la propria identità e interezza spirituale. Sarà necessario tornare alla cultura e alla cultura del teatro. Qualche difficoltà la si troverà con i giovani ma per quanto concerne i fruitori soliti del teatro vi sarà certamente una rinnovata carica d’entusiasmo».

Ha qualche progetto in cantiere per il ritorno alla normalità?

«Ho in mente un paio di ipotesi da realizzare anche se riguardano lavori che ho già scritto. Ho tanti testi da portare ancora in scena e non ho inteso scrivere niente ispirandomi alla pandemia. Scrivere sul Covid avrebbe rappresentato una forma di sfruttamento, una sorta di vampirismo. Un succhiare malessere da chi lo vive con dolore e dignità. Ripeto ho già tanti lavori da riproporre come ad esempio “Uscita d’emergenza” capace, guarda caso, di esaminare con i suoi due personaggi la paura di uscire di casa. Una paura che da mentale si trasforma in psicologica».

Un pensiero sul suo “Il Teatro Cerca Casa”

«Svolgendosi nelle case in condizioni non compatibili con le norme sanitarie, ha subito una battuta d’arresto. In ambito teatrale è stato tra i primi a fermarsi. Ma non appena avremo il via libera saremo più che pronti per una ripartenza».

Lei crede che il dopo pandemia procurerà dei cambiamenti sulla società e sulle persone?

«Al riguardo sono pessimista. Nei primi tempi si vivrà una specie di rigenerazione della società, poi, presto, riprenderanno corpo gli aspetti meno validi del nostro vivere comune e tutto tornerà come prima. Agli inizi ci sarà un rilancio culturale ma alla fine, a prevalere, saranno nuovamente tutte quelle carenze intime degli italiani da sempre legate al loro Dna».

- Advertisement -

Ultime Notizie

Beautiful, spoiler al 12 dicembre: Brooke schiaffeggia Shauna

Beautiful, anticipazioni dal 6 al 12 dicembre. Brooke scopre della notte passata insieme da Ridge e Shauna e schiaffeggia quest'ultima. Arrivano le ultime anticipazioni della trama...

Ginnastica, Castellammare si impone a Modena con la squadra C.G.A. Stabia

Ginnastica: C.G.A. Stabia di Castellammare si aggiudica lo scudetto tricolore allievi categoria Gold 3 della Federazione Ginnastica d’Italia. Straordinaria impresa del C.G.A. Stabia di Castellammare...

Lina Sastri: “Il teatro è respiro e nutrimento per la vita

Lina Sastri, attrice, cantante, autrice e regista commenta il complesso momento che investe  il mondo dello spettacolo. Attrice, cantante, autrice e regista, anche Lina...

Rubrica Games: Le migliori uscite videogames Dicembre 2020

Rubrica Games: Cyberpunk 2077 è un open world in prima persona sconfinato e approda finalmente sul mercato videoludico. Sarà all’altezza delle aspettative? di Piero Lombardi...

Il curioso caso dell’Housing Sociale a Sant’Agnello

Sono trascorsi quattro anni da quando il Sindaco di Sant’Agnello Piergiorgio Sagristani, dopo l’approvazione della Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali, annunciò la...