mercoledì, Aprile 24, 2024

Malasanità, medico e 4 infermieri a rischio licenziamento

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

Un medico e quattro infermieri rischiano il licenziamento per il ritardo nei soccorsi a un 42enne morto alla stazione di Napoli.

di Luigi Maria Mormone – Ancora un sospetto caso di malasanità in Campania. Un medico della Croce Rossa e quattro infermieri dell’ospedale Cardarelli rischiano infatti il licenziamento per la morte di un 42enne deceduto la sera del 3 agosto alla Stazione Centrale di Napoli per mancanza di ambulanze che potessero soccorrerlo in pochi minuti dal malore avvertito. La commissione voluta dal governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca e portata avanti dal Dott. Ciro Galano, responsabile della Centrale operativa 118, ha infatti stabilito che due ambulanze erano disponibili e avrebbero potuto aiutare in tempo l’uomo, soccorso invece venti minuti dopo la chiamata. La prima ambulanza sarebbe infatti “rimasta libera dalle ore 20.39 alle 23.57, mentre la seconda dalle 19,47 alle 21.36”.Malasanità, medico e 4 infermieri a rischio licenziamento I quattro operatori e il medico hanno invece affermato che “nella fascia oraria dalle 21.02 alle 21.21 non era possibile inviare ambulanze perché le 13 postazioni attive erano impegnate in altri interventi”. Per il medico e gli infermieri è scattata la richiesta di provvedimento disciplinare, che va dalla censura alla sospensione, fino al licenziamento con preavviso o senza preavviso. Galano ha chiesto al presidente della Croce Rossa, con cui la Regione Campania ha una convenzione, l’immediata sostituzione del medico, mentre la richiesta di provvedimento disciplinare per i quattro infermieri è stata firmata dal direttore generale dell’ospedale Cardarelli, Ciro Verdoliva. Queste cinque persone saranno ascoltate per difendersi ed entro centoventi giorni verranno prese decisioni definitive.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie