sabato, Dicembre 10, 2022

Ischia, polemiche per la morte di una turista tedesca

- Advertisement -

Notizie più lette

Maria Sordino
Maria Sordinohttps://www.2anews.it
Maria Sordino - cura la pagina della sanità, sociale, attualità, è laureata in Scienze Biologiche, scrittrice.

Ischia: Non si placano le polemiche per la morte di una turista tedesca per problemi respiratori. L’arrivo dei soccorsi sono stati bloccati da un paletto che bloccava l’accesso all’area pedonale dove si trovava l’albergo.

Polemiche per la morte ad Ischia di una turista tedesca di 76 anni che ha avvertito un malore in albergo a causa di problemi respiratori. Le chiavi di un paletto che bloccava l’accesso all’area pedonale di Sant’Angelo ad Ischia erano introvabili. Non è ancora chiaro se questo tempo abbia inciso o meno sulle possibilità di soccorso.

Secondo quanto sostiene il consigliere regionale dei Verdi e componente della commissione Sanità, Francesco Emilio Borrelli, il decesso sarebbe avvenuto “in attesa dell’ambulanza che è rimasta bloccata dalla transenna che delimita l’area pedonale”.

Per il sindaco di Serrara Fontana, Rosario Caruso, nel cui territorio sorge la zona di Sant’Angelo dove si trova l’albergo nel quale soggiornava la turista, “l’intervento da parte degli operatori del 118 è stato tempestivo e non dilatato nel tempo”. Una ventina di minuti è stato il tempo che l’equipe del 118 ha impiegato ad arrivare da Lacco Ameno, base del servizio di soccorso, all’albergo di Sant’Angelo.

Intanto, Borrelli aggiunge che “è assurdo che l’equipaggio dell’ambulanza in servizio sull’isola non abbia la chiave per accedere all’isola pedonale”. Circostanza che il primo cittadino respinge. “All’ingresso di Sant’Angelo, dagli anni ‘80, non c’è alcuna transenna ma un paletto con lucchetto le cui chiavi sono state fornite alle forze di polizia e ai mezzi di soccorso”. 

Certo é che le chiavi non si trovavano al momento dell’intervento. Per questo un operatore economico della zona ha caricato l’equipe medica sul suo carrellino elettrico e si è diretto all’albergo dove si trovava la donna, ma quando sono arrivati era già morta.

In una nota in cui si ricostruisce quanto accaduto, l’Asl Napoli 2 Nord evidenzia che sul posto “sono arrivate due ambulanze a pochi minuti dalla richiesta di soccorsi. L’hotel presso cui soggiornava la donna non è immediatamente raggiungibile dai mezzi di soccorso in quanto non ha un accesso diretto all’area carrabile e in ragione di ciò i sanitari sono arrivati sul posto a piedi. Nonostante i prolungati interventi di rianimazione, i sanitari hanno dovuto constatare il decesso della donna”.

È stato Rocco Barocco ad aprire con le chiavi in suo possesso il lucchetto che ha bloccato il passaggio all’ambulanza. Ed è proprio lo stilista che tenta di spegnere le polemiche in un’intervista a Il Mattino di Napoli:

“La vicenda dell’altra sera non ha nulla a che vedere con il lucchetto. I soccorsi sono stati immediati. Il passaggio dell’autoambulanza non c’entra. Le chiavi le avevo io perché ho fatto regolare richiesta per consentire agli operai di raggiungere l’area dove stiamo ultimando i lavori sul mare. Mi hanno chiamato perché ero vicino e sapevano che avevo le chiavi, per fare in fretta“.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie