venerdì, Febbraio 23, 2024

Disponibile in Campania Inclisiran, la prima terapia contro il colesterolo LDL con due iniezioni l’anno

- Advertisement -

Notizie più lette

Redazione
Redazionehttp://www.2anews.it
2Anews è un magazine online di informazione Alternativa e Autonoma, di promozione sociale attivo sull’intero territorio campano e nazionale. Ideato e curato da Antonella Amato, giornalista professionista. Il magazine è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n.67 del 20/12/2016.

In Campania le malattie cardiovascolari, tra cui quelle ischemiche cerebrovascolari, sono responsabili di circa 20.000 decessi l’anno, trasformando questa regione come quella con il tasso di mortalità più alto d’Italia. Si stima, inoltre, che circa l’80% della popolazione di 18-69 anni della Campania non abbia mai misurato il livello di colesterolo e, dato ancora più preoccupante, il 60% dei pazienti con ipercolesterolemia non controlla adeguatamente i valori del colesterolo LDL nonostante le terapie ipolipemizzanti.

Il colesterolo LDL (LDL-C) è il principale fattore di rischio modificabile per la riduzione del rischio cardiovascolare, come dimostrato da decenni di esperienza di studi clinici che ne evidenziano la correlazione diretta con la malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD). L’accumulo di colesterolo LDL prolungato nel tempo, infatti, può determinare la formazione della placca aterosclerotica sulle arterie, aumentando così il rischio di eventi acuti come l’infarto del miocardio e l’ictus.

Da oggi è prescrivibile nella Regione Campania Inclisiran, la prima terapia a base di piccolo RNA interferente (siRNA) per la riduzione del colesterolo LDL, e rappresenta un nuovo approccio alla gestione dei pazienti con ipercolesterolemia, riducendo significativamente i livelli di colesterolo LDL con sole due somministrazioni l’anno. Inclisiran è ora erogato nei Centri abilitati alla prescrizione di tutta la Campania, in virtù del nuovo regolamento regionale per un accesso più rapido ai trattamenti.

“Questa molecola è capostipite di una nuova classe di farmaci altamente innovativi che mirano direttamente alla “radice” della malattia aterosclerotica piuttosto che ai suoi sintomi – dichiara Pasquale Perrone Filardi, Docente ordinario di Cardiologia, direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie dell’apparato cardiovascolare dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e Presidente Società Italiana di Cardiologia (SIC) – grazie a un meccanismo d’azione che permette di ridurre i livelli di colesterolo LDL non solo in maniera efficace, ma anche sostenuta nel tempoUn passo in avanti importante per raggiungere in un numero sempre più ampio di pazienti, il goal terapeutico raccomandato dalle nuove linee guida”.

Aiutare i pazienti con ipercolesterolemia a raggiungere i livelli target di colesterolo
LDL e mantenerli nel tempo è una sfida ambiziosa per la regione Campania, alle
prese con ridotti livelli di aderenza terapeutica e con un conseguente mancato
raggiungimento degli obiettivi terapeutici. Oltre all’innovazione terapeutica, la
gestione territoriale della patologia è determinante.

In Campania è già delineato un nuovo modello per la gestione del paziente con
ipercolesterolemia e questo grazie all’accesso accelerato e all’ottimale gestione del
paziente non a target sul territorio. Il paziente con ipercolesterolemia – continua
Franco Guarnaccia, cardiologo e Presidente dell’Associazione Regionale Cardiologi
Ambulatoriali Regione Campania (ARCA) – ha la necessità di mantenere sempre
sotto controllo i livelli di colesterolo e diventa strategico un approccio che integri
l’ospedale e il territorio. Innumerevoli i benefici che ne conseguono, analizzati anche
in un studio10 su oltre 3 mila pazienti in cui è emerso un considerevole aumento di
pazienti a target terapeutico che, nel caso di soggetti a rischio alto raggiungevano il
90% e per quelli a rischio molto alto, il 60%. La disponibilità in Campania di inclisiran
offre un importante vantaggio terapeutico e la sua modalità di somministrazione,
inoltre, consentirà di agevolare ulteriormente la gestione del paziente sul territorio,
alleggerendo il carico e i costi sanitari che finora ricadevano solo sulla struttura
ospedaliera”.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Ultime Notizie