giovedì, Gennaio 20, 2022

In Consiglio comunale gli interventi per questioni urgenti

- Advertisement -

Notizie più lette

Presieduta da Vincenza Amato, la seduta del Consiglio comunale è iniziata alla presenza di 30 consiglieri. Prima dell’analisi delle delibere all’ordine del giorno, diversi consiglieri sono intervenuti su questioni urgenti come previsto dall’articolo 37 del Regolamento comunale.

Rosario Palumbo (Cambiamo!) ha ringraziato Alberto Angela per aver contribuito, con il suo recente documentario trasmesso in tv, a diffondere e comunicare la bellezza della città di Napoli, e ha proposto di coinvolgerlo in un evento in occasione della giornata dell’orgoglio partenopeo, prevista per il prossimo 30 settembre. Ha tuttavia invitato a non trascurare le criticità della città e a intervenire per risolvere queste discrepanze.

Alessandra Clemente (Misto) ha annunciato un ordine del giorno a sua firma con cui chiederà al Sindaco, come prima autorità sanitaria cittadina, di moltiplicare i punti di somministrazione dei tamponi molecolari gratuiti per i cittadini, garantendo così per tutti i livelli di sicurezza minimi in un momento di accentuazione delle criticità connesse al contagio da Covid-19. È poi intervenuta sulla vicenda del contratto per gli agenti di polizia locale assunti a tempo determinato, che va prorogato anche per ridurre la precarietà lavorativa in città; una precarietà che va combattuta anche nel caso degli ex APU, il cui contratto è in scadenza ma può essere prorogato in virtù di una delibera esistente. 

Massimo Pepe (Azzuri Noi Sud Napoli Viva) ha insistito sulla valorizzazione del patrimonio inserito nel Grande Progetto Unesco per il Centro storico. Ha denunciato in particolare lo stato di degrado di piazza Gerolomini, in pieno centro antico. La riqualificazione della piazza pone problemi di carattere igienico- sanitario e di valorizzazione del patrimonio monumentale della città, ha spiegato, e Asìa deve subito intervenire per eliminare i disagi dei turisti e degli stessi residenti della zona.

Antonio Bassolino (Misto) è intervenuto sul tema della manutenzione della città. Sono evidenti i tanti contrasti nelle piccole cose della vita quotidiana dei napoletani, e si registra continuamente il degrado di alcuni siti, oltre che la cattiva manutenzione delle strade. In particolare, ha evidenziato, bisogna affrontare la riqualificazione della Galleria Umberto I, un vero e proprio “pugno nello stomaco” per chi la attraversa, soprattutto nelle ore notturne. Non bisogna perdere uno sguardo critico su queste situazioni, sulle molteplici realtà che offre la città, e le risorse europee e del Pnrr rappresentano una opportunità senza precedenti per affrontare il tema del futuro della città.

Nino Simeone (Napoli Libera) è intervenuto sulla sicurezza nei luoghi di lavoro alla luce dei nuovi contagi che si registrano e, nello specifico, per le attività del Consiglio comunale, ha chiesto di implementare le attività da remoto delle commissioni consiliari. Ha chiesto inoltre chiarimenti sulle modalità organizzative della raccolta differenziata in città, che presentano diverse contraddizioni. Sulla manutenzione ordinaria c’è poi un tema urgente sulla situazione delle strade, e va ancora denunciato che da settimane ci sono aree della città non illuminate per un guasto tecnico, come ad esempio la zona del Petraio. Nella zona ospedaliera, inoltre, si continuano a registrare problemi di viabilità che sono anche di ordine pubblico: è necessario convocare un tavolo tecnico per affrontare subito il problema. Sulla organizzazione del Consiglio comunale, infine, ha chiesto maggiore rispetto del ruolo e delle prerogative del Consiglio da parte del Direttore generale. I consiglieri comunali devono poter rendere conto ai cittadini che li hanno votati, ha concluso, e ha chiesto che per la loro funzione possano accedere al protocollo generale del Comune e avere effettiva contezza di quello che viene deciso nell’Ente.

Salvatore Guangi (Forza Italia) è intervenuto sulla vicenda di Asìa, chiedendo a nome del suo gruppo politico un vero e proprio cambio di passo. Occorre un nuovo management, e non è possibile proseguire con le modalità gestionali degli anni passati. Una gestione che in effetti non è stata corretta, trasparente e attiva. Sull’organizzazione del Consiglio comunale ha chiesto che i gruppi consiliari e i consiglieri siano messi in condizione di poter lavorare, con le giuste risorse di personale, e per questo bisogna nuovamente avere un confronto con il Direttore generale.

Gennaro Acampora (Partito Democratico) ha augurato buon lavoro al nuovo direttivo della sezione napoletana dell’Associazione Nazionale Partigiani, che continuerà l’importante lavoro svolto dal presidente Antonio Amoretti. Ha stigmatizzato in Aula il comportamento dell’Amministratore delegato di Asìa, che in sede di commissione consiliare si è sottratto alle domande dei consiglieri, senza dare spiegazioni su una situazione totalmente deficitaria. Nei prossimi mesi bisognerà dire in maniera decisa ‘basta’ a chi non sta amministrando adeguatamente l’azienda. All’assessora all’Urbanistica Lieto ha evidenziato la necessità di soffermarsi sulle misure di welfare abitativo attive in città, garantendo un maggiore controllo sulla loro gestione.

Claudio Cecere (Gruppo Misto) ha segnalato la situazione di blocco dei fondi vincolati per completare i lavori  per una scuola abbandonata che si trova nel quartiere Santacroce a Chiaiano; un istituto oggetto di ristrutturazioni eseguite da una ditta fallita.  Ad oggi nessun consigliere ha un segretario, un computer, ha aggiunto; non deve esserci disparità tra gruppi con personale assegnato e gruppi che non hanno nessuno. 

Per quest’ultima motivazione, al termine dell’intervento ha lasciato l’Aula.

Salvatore Consiglio Lange (Gruppo Misto), richiamando la contestazione del consigliere Cecere, ha sottolineato le difficoltà che non consentono ai consiglieri di poter svolgere l’attività istituzionale e ha rivolto all’Amministrazione un appello a risolvere questi problemi di natura operativa. Inoltre, ha chiesto all’assessora Marciani di tutelare dalla crisi occupazionale i 140 lavoratori APU.

Luigi Carbone (Napoli Solidale Europa Verde) ha chiesto al Sindaco di  emanare un’ordinanza urgente per vietare l’uso di fuochi pirotecnici a Capodanno, così da evitare, come dimostrato scientificamente, il trauma e la morte di molti animali e l’inquinamento atmosferico. Come presidente della commissione Cultura, Carbone ha espresso cordoglio alla famiglia Condurro per la morte di Antonio, l’ultimo dei figli del pizzaiolo Michele.

Secondo Carlo Migliaccio (Insieme Per Napoli Mediterranea), l’apertura degli svincoli a Scampia con un progetto di 7 milioni dalla Presidenza del Consiglio dei ministri è bloccato da un campo Rom che non si riesce a sgomberare; campo che produce anche roghi tossici. Migliaccio ha poi ringraziato l’assessore Cosenza per la riapertura di via Guantai a Orsolone.

Massimo Cilenti (Napoli Libera) ha chiesto una revisione delle procedure previste dall’articolo 37 del Regolamento consiliare e una maggiore trasparenza sull’operato sia dell’Amministrazione sia delle Conferenze dei capigruppo, in modo che i consiglieri siano a conoscenza di tutto ciò che accade. Cilenti ha inoltre chiesto una risposta alla cittadinanza per il degrado della Galleria Umberto I e per gli spazi della stazione centrale occupati dai senzatetto.

Luigi Musto (Manfredi Sindaco) ha rappresentato la necessità di manifestare la vicinanza dell’Amministrazione alla famiglia del ragazzo rimasto gravemente ferito da un petardo il 21 dicembre a Pianura durante una partita di beneficenza tra i licei di Napoli. Ha poi proposto di riorganizzare il torneo con gli stessi istituti scolastici destinando il ricavato ai cittadini a rischio di esclusione sociale.

Per Aniello Esposito (Partito Democratico) gli assessori nei primi mesi hanno già fatto un ottimo lavoro. Il consigliere si è congratulato anche per il prolungamento del contratto a favore degli agenti della Polizia locale e per come l’assessora Marciani ha affrontato in maniera energica i casi delle Terme di Agnano e dei 140 APU. Inoltre, ha dichiarato che la mancata raccolta differenziata è un segnale pessimo per i cittadini e che la responsabilità è dei vertici dell’azienda di igiene urbana.

Luigi Rispoli (Napoli Libera) ha ricordato il ruolo di prevenzione e la funzione sanitaria svolta dal Comune, e dal Sindaco in particolare, che ha obiettive responsabilità nei confronti dei dipendenti e, rispetto alla recente iniziativa dell’Asl che ha effettuato tamponi ai consiglieri, ha evidenziato l’importanza di comunicare in maniera adeguata e riservata le notizie relative alle loro condizioni di salute. 

Salvatore Flocco (Movimento 5 Stelle) ha segnalato il proliferare delle bancarelle che vendono fuochi d’artificio abusivi, che rappresentano una criticità enorme per la sicurezza dei cittadini. Ha quindi evidenziato la necessità di adottare misure adeguate in vista della notte di San Silvestro. Ha poi segnalato le enormi difficoltà che si registrano sul fronte dei rifiuti: in diverse aree della città ci sono vere e proprie discariche, e bisogna agire tempestivamente.

Sergio D’Angelo (Napoli Solidale Europa Verde) è tornato sulla questione della riforma della procedura degli articoli 37, che come sono regolamentati ora non funzionano. Una soluzione rapida potrebbe essere quella di tenere un incontro ogni settimana per far sì che gli assessori possano ricevere i consiglieri comunali. Sulla vicenda dei tamponi effettuati dall’Asl, ha concluso, è singolare che un consigliere sia risultato positivo e si sia potuto regolarmente tenere il Consiglio comunale: serve lo stesso rigore che viene richiesto in altri contesti.

Ciro Borriello (Movimento 5 Stelle) è intervenuto sul tema degli ex lavoratori APU, e rivolgendosi all’assessora Marciani, ha chiesto di riprendere la vertenza e di affrontarla con decisione insieme alle altre vertenze lavorative della città.

Giorgio Longobardi (Fratelli d’Italia) ha evidenziato che a Pianura in alcune strade persiste la presenza di fango e di rifiuti. È intervenuto inoltre sui Progetti Utili per la Collettività per i percettori del Reddito di Cittadinanza, evidenziando la necessità di regolamentarne e controllarne le procedure.

Il consigliere aggiunto Savary Ravendra è intervenuto sul tema del rinnovo del permesso di soggiorno per i cittadini extracomunitari: molti aspettano ancora di essere convocati per sanare la loro posizione, ma passa fino a un anno per il rinnovo dei documenti; una infinità rispetto ai tempi di altre città. Le regole e le scadenze vanno rispettate da tutti, e le autorità devono intervenire per risolvere queste criticità.

Rosario Andreozzi (Napoli Solidale Europa Verde) ha posto l’attenzione sul recente bando di Asìa per l’assunzione di un nuovo direttore acquisti: un atto di arroganza nei confronti della città, ha detto, che ancora aspetta che l’azienda assuma invece operatori capaci di migliorare il servizio. Andreozzi ha chiesto di cambiare radicalmente i vertici dell’azienda, anche alla luce delle mancate risposte dell’amministratore delegato durante l’ultima seduta di commissione. Ha inoltre chiesto maggiore attenzione della Giunta sui legittimi confronti che il Consiglio chiede: in particolare, occorrono chiarimenti sulle aziende partecipate della città, per fugare le preoccupazioni suscitate dalla stampa cittadina.

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -spot_imgspot_imgspot_img

Ultime Notizie